Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 10:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’incredibile caso della “paziente C1”: la ragazza ha solo metà cervello, ma un’intelligenza superiore alla media

Immagine di copertina

La ragazza con metà cervello e un’intelligenza superiore alla media: il caso

Ha 18 anni e solo metà cervello, ma un’intelligenza superiore alla media: a raccontare la storia di questa paziente dell’Università di Chicago, il cui nome scientifico è C1, è New Scientist.

Una storia che sembra avere dell’incredibile: la giovane è nata senza l’emisfero sinistro del cervello, ma il suo quoziente intellettivo è comunque medio-alto e la 18enne è ora prossima ad iscriversi all’università. La medicina, naturalmente, ha una spiegazione: il cervello umano è plastico e, nel caso ne manchi una parte, ha facoltà di organizzarsi per riuscire a funzionare regolarmente.

“Non è una macchina a elementi fissi, che senza pezzi di ricambio smette di funzionare – ha spiegato Salvatore Maria Aglioti dell’IIT di Genova e della Fondazione Santa Lucia di Roma – È un set dinamico di reti neurali”.

A Chicago la 18enne è stata seguita fin da piccolissima e, soprattutto, il suo caso è stato confrontato con pazienti colpiti da ictus e con ragazzi sani. Il suo deficit, in sostanza, si è “autocompensato” e la sua condizione, davvero molto rara e definita emiidranencefalia, non le ha dunque causato particolari disagi a livello cognitivo.

La parte del cervello sana funziona anche per la parte non sana e, soprattutto, si è fatta carico di tutte le funzioni dell’emisfero mancante. C’è da dire che quello della 18enne è un caso davvero fortuito: non tutti i pazienti affetti da emiidranencefalia hanno potuto vivere con le stesse condizioni della paziente C1.

Di certo, essenziali per la ragazza sono state le cure dei medici e, soprattutto, gli stimoli della sua famiglia, che le hanno permesso di sviluppare tutto il suo potenziale.

Leggi anche:

Tumore al cervello, scoperta una proteina legata all’Alzheimer che può bloccarlo

L’obesità danneggia il cervello degli adolescenti, dice uno studio

Gli asportano un cancro al cervello mentre suona il pianoforte: l’intervento al musicista è incredibile

Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio