Il Google Earth della radio che fa ascoltare (quasi) tutte le stazioni del mondo

Radio Garden, un sito sviluppato da ricercatori universitari europei, permette di ascoltare in tempo reale moltissime radio, spostandosi su un mappamondo interattivo

Di TPI
Pubblicato il 15 Dic. 2016 alle 13:35 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 21:11
0
Immagine di copertina

Tra siti come YouTube, video ormai presenti su qualsiasi piattaforma e playlist in streaming prefabbricate, la radio sembra un oggetto messo in ombra dalle nuove abitudini tecnologiche, ma come cantavano i Queen già trent’anni fa in Radio Ga Ga, “qualcuno ancora ti ama”.

Tra questi ci sono i ricercatori del Transnational Radio Encounters, un consorzio di università europee guidato dall’Università di Halle, in Germania, che insieme all’Istituto olandese del suono e della visione e allo Studio Moniker di Amsterdam ha creato Radio Garden, un sito che consente ai suoi utenti di esplorare un mondo interattivo in cui la radio è protagonista.

Un po’ come facevano i radioamatori, che attraverso apparecchi rudimentali riuscivano a mettersi in contatto con altri appassionati dall’altra parte del globo, Radio Garden permettere di accedere a culture e musiche lontanissime, passando in pochi secondi dall’Australia all’Alaska.

Sull’home page di Radio Garden c’è un mappamondo molto simile a quello di Google Earth, sul quale è possibile muoversi e zoommare a piacimento fino a vedere nel dettaglio le mappe di città di tutto il pianeta. Passando il mouse su queste città è possibile ascoltare, proprio come se si girasse la manopola delle frequenze, le tantissime radio che trasmettono da quei luoghi.

Nella sezione Live si può quindi esplorare dal vivo cosa stanno trasmettendo le radio del mondo, magari rendersi conto di quali siano i brani più amati, o togliersi la curiosità di sapere cosa amano gli ascoltatori cambogiani o peruviani.

C’è poi anche una sezione Storia in cui è possibile ascoltare registrazioni di alcuni momenti fondamentali nella vita di molte radio sparse per il globo. Per esempio in Italia si può rivivere il momento in cui la polizia intervenne in diretta per interrompere le trasmissioni di Radio Alice a Bologna nel 1977.

Chiunque può partecipare al progetto fornendo registrazioni, jingle o storie , per far sì che una comunità globale di amanti della radio possa essere ancora più unita grazie a questa piattaforma

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.