Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Quanto guadagnano complessivamente i collaboratori più stretti di Trump

Immagine di copertina

La Casa Bianca ha svelato i files che contengono indicazioni sugli assets finanziari dei collaboratori del senior staff del Presidente Donald Trump

La Casa Bianca ha recentemente svelato gli asset finanziari del senior staff del Presidente Donald Trump, la squadre dei collaboratori più stretti e fedeli del Presidente degli Stati Uniti d’America. La notizia è stata poi rilanciata da BBC.

La rivelazione finanziaria documenta anche gli stipendi dei vertici dei vari settori di amministrazione che affiancano il lavoro quotidiano alla Casa Bianca.

Norme di carattere etico, infatti, obbligano a ciascuna amministrazione di presidenza degli Stati Uniti d’America e allo staff dipendente, di rendere pubblici i propri possedimenti finanziari dal momento in cui comincia un mandato presidenziale.

I dati, quindi, rivelano a quanto ammontano in totale le disposizioni finanziarie dei soggetti in questione prima che essi abbiano dovuto rinunciarvi come da prassi, in seguito al loro inizio di carriera pubblica alla Casa Bianca.

Nei documenti svelati a Washington D.C. nel giorno di venerdì 31 marzo 2017, mancano però i dati riguardanti lo stesso Presidente Donald J. Trump e il suo Vice-Presidente Mike Pence. Donald Trump ha però più volte insistito sul fatto che ormai le sue aziende sono interamente gestite dai suoi due primi figli maschi, Donald Junior ed Eric Trump.

Va dunque precisato che si tratta delle cifre guadagnate dagli interessati prima che Donald Trump li chiamasse a lavorare per il complesso sistema del funzionamento delle politiche della Casa Bianca. Ciascuno dei seguenti collaboratori di Trump ha infatti rinunciato a incarichi precedentemente ricoperti, per evitare lo scoppio di inevitabili conflitti di interesse, come la legge statunitense prevede.

I documenti parlano degli assets in termini non precisi, non specificandone l’esatto ammontare.

I media americani hanno però calcolato che la somma dei patrimoni finanziari di tutti i nuovi impiegati nell’amministrazione Trump ammonta a circa 12 miliardi di dollari (circa 11 miliardi di euro). Questo fa della presidenza Trump la più ricca mai esistita negli Stati Uniti d’America.

Tra i principali collaboratori da segnalare, troviamo:

Ivanka Trump: figlia di Donald Trump, i suoi dati personali non sono stati ancora rivelati, dato che è stata assunta da poco tempo come impiegata alla Casa Bianca. Ma è possibile conoscere tra i dati del marito Jared Kushner, anche lui impiegato di Trump, parte del suo budget: 50 milioni di dollari è il valore stimato del suo impero finanziario (circa 47 milioni di euro), aggiungendo a questi anche le sue azioni nella Trump International Hotel, che si attestano tra i 5 e i 25 milioni di dollari (tra i 4 milioni e 700 mila euro e i 23 milioni di euro).

– Jared Kushner: marito di Ivanka Trump, deteneva posizioni presso ben 267 aziende, molte delle quali ha dovuto lasciare in seguito all’elezione del suocero. Con queste organizzazioni, riceveva ogni anno centinaia di migliaia di dollari.

– Steve Bannon: senior White House adviser, consigliere personale nonchè “capo stratega”è uno fra gli uomini più fidati del Presidente Trump. Era pagato circa 191 mila dollari dal media conservatore Breitbart (circa 179 mila euro) con un milione di dollari (930 mila euro) di stipendio in altre mansioni lavorative. Le sue risorse finanziarie oscillano fra i 3 milioni e i 12 milioni di dollari (2 milioni e 800 mila euro e 11 milioni di euro circa).

– Sean Spicer: è il responsabile capo dell’ufficio stampa della Casa Bianca, ed era pagato circa 260 mila dollari l’anno (circa 244 mila euro) per il suo ruolo di capo coordinatore per la comunicazione del Comitato Nazionale Repubblicano. Anch’egli era detentore di alcuni assets di beni immobili.

– Kellyanne Conway: era la responsabile per la campagna elettorale di Donald Trump, e ha guadagnato per questa mansione circa 800 mila dollari in consulenze (750 mila euro).

– Gary Cohn: è stato presidente del gruppo finanziario Goldman Sachs, ed ora è al vertice della Consiglio Economico Nazionale della Casa Bianca. I suoi assets che sono stati rivelati ammontano alla cifra impressionante di 230 milioni di dollari (circa 216 milioni di euro). I dati della Casa Bianca aggiungono altre sue risorse finanziarie, affermando che sono “superiori ad un milione di dollari”: questo significa che il suo patrimonio è potenzialmente molto più ingente di quello ufficialmente rivelato. La Casa Bianca ha affermato che Gary Cohn ha consegnato le dimissioni da ogni incarico presso la Goldman Sachs.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda