Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il presidente degli Stati Uniti invierà un sms a tutti i cellulari degli americani per testare un sistema di allarme

Immagine di copertina

Il 3 ottobre l'avviso presidenziale arriverà alle 14.18, ora statunitense

Il 3 ottobre l’Ente federale della gestione delle emergenze testerà un nuovo sistema di allarme direttamente sui telefoni cellulari dei cittadini statunitensi. Si tratterà di un “avviso presidenziale” che non si potrà decidere di non ricevere. presidente usa sms allarme

Il test Wireless Emergency Alert era stato originariamente programmato per il 20 settembre ma è stato rinviato a causa delle condizioni meteorologiche avverse. Il 3 ottobre l’avviso presidenziale arriverà alle 14.18, ora statunitense.

Il messaggi verranno inviati tramite il proprio gestore di telefonia mobile. Non è possibile in alcun modo disattivare l’allarme.

Il sito di tecnologia americano TechCrunch spiega che questi tipi di avvisi sono stati sperimentati per la prima volta nel 2006 sotto il presidente George W. Bush, in modo che la Casa Bianca potesse rilasciare una notifica al pubblico in caso di emergenza.

I messaggi possono essere inviati a discrezione del presidente, ma mentre gli esperti hanno minimizzato la possibilità che il sistema venga utilizzato in modo improprio, questa è la prima volta che il messaggio arriverà con il titolo “Avviso presidenziale”.

L’agenzia per le emergenze afferma che sta testando il sistema per “valutare la prontezza” dei messaggio da lanciare in caso di emergenza nazionale e per “determinare se sono necessari miglioramenti”.

Un secondo test EAS sarà inviato due minuti dopo tramite provider televisivi, radiofonici e cablati. Qualsiasi telefono cellulare acceso nel raggio di una torre cellulare attiva e il cui provider wireless partecipa alla WEA sarà in grado di ricevere il messaggio di prova.

“Questo è un test del Sistema di allarme di emergenza nazionale. Questo sistema è stato sviluppato da operatori di trasmissione e via cavo in cooperazione volontaria con l’Agenzia federale di gestione delle emergenze, la Commissione federale delle comunicazioni e le autorità locali per tenervi informati in caso di emergenza. Se questa fosse stata un’emergenza reale, un messaggio ufficiale avrebbe seguito l’avviso che hai sentito all’inizio di questo messaggio. Un messaggio di test di emergenza wireless è stato inviato a tutti i telefoni cellulari a livello nazionale. Alcuni telefoni cellulari riceveranno il messaggio, altri no. Non è richiesta alcuna azione”. Questo è il testo che verrà inviato ai cittadini.

Il sistema WEA è lo stesso che viene usato per avvisare il pubblico in caso di allarmi o di situazioni meteorologiche critiche.

Il test arriva a circa un anno di distanza dal test ai allarme nucleare dello scorso 1 dicembre 2017. In quell’occasione le Hawaii decisero di rimettere in funzione il sistema di allarme e testarlo, facendo così suonare le sirene per 50 secondi.

La decisione, annunciata dall’Agenzia per le situazioni di emergenza dello stato Usa, era stata presa settimane prima, ma diffusa poche ore dopo il lancio dell’ultimo missile da parte di Pyongyang, avvenuto il 29 novembre 2017 da un’area situata a nord della capitale nordcoreana.

L’allarme serve per avvisare i cittadini di “stare dentro e attenti”. Alle Hawaii ci sono 385 sirene di avvertimento.

L’avvertimento dà alle persone 20 minuti per ripararsi in vista di un imminente attacco missilistico.

Nel test del primo dicembre, il suono delle sirene è stato in gran parte soffocato dal rumore delle onde che si infrangevano lungo Waikiki, il famoso tratto di spiaggia all’ombra del vulcano Diamond Head.

presidente usa sms allarme

Ti potrebbe interessare
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Ti potrebbe interessare
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Esteri / Influencer di giorno, narcotrafficante di notte: arrestata la 19enne "Miss Cracolandia"
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Esteri / Leverkusen, esplosione in un impianto chimico: almeno un morto. Le autorità: "Non uscite e tenete porte e finestre chiuse"
Ambiente / Il ceo di Philip Morris: “Favorevole al divieto totale di fumo entro il 2030”
Esteri / Costretti a vivere tra le macerie: le vite spezzate dei bambini a Raqqa