Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Polonia ha acquistato la Dama con l’Ermellino di Leonardo da Vinci

Immagine di copertina

Il capolavoro era in possesso di una fondazione polacca ed è stato venduto insieme ad altre opere di Rembrandt

Lo stato polacco ha annunciato giovedì 29 dicembre di avere comprato la “Dama con l’ermellino”, il celebre dipinto di Leonardo da Vinci custodito da anni presso il Museo di Cracovia e di proprietà della fondazione Czartoryski.

Il partito di nazionalista ed euroscettico al governo in Polonia, Diritto e Giustizia, ha fatto della nazionalizzazione delle opere d’arte e dei palazzi storici uno dei capisaldi della sua politica con l’obiettivo di rinvigorire l’orgoglio nazionale.

Il ministro della Cultura polacco Piotr Glinski, tra gli applausi che hanno accompagnato nel Castello Reale di Varsavia la cerimonia della firma ha annunciato: “Signori e signore, in qualità di cittadini polacchi, ora siamo tutti proprietari della collezione Czartoryski”.

Per l’intera collezione, che comprende 86 mila oggetti museali, compresi un dipinto e alcune grafiche di Rembrandt, 250 mila libri e documenti, il tesoro polacco dovrebbe pagare circa 100 milioni di euro (500 milioni di zloty) mentre il valore reale della collezione viene stimato a 10 miliardi di zloty.

Il consiglio di amministrazione della fondazione Czartoryski ha rassegnato le dimissioni in segno di protesta. Presente alla firma per la cessione della collezione, il principe Czartoryski invece ha dichiarato: “Sto semplicemente seguendo i miei antenati, che hanno sempre lavorato per la nazione polacca”.

La Dama con l’Ermellino, dipinta nel 1490 è uno dei quattro ritratti di donna dipinti da Leonardo da Vinci. Il soggetto è Cecilia Gallerani, amante del Duca di Milano Ludovico Sforza.

Il soprannome è dovuto alla presenza di un ermellino tra le mani della donna. Il dipinto venne rubato alla Polonia dai nazisti durante la Seconda guerra mondiale ma fu restituito al termine del conflitto.

Nel 2014 nuove tecniche per l’esame delle tele mostrarono che il ritratto venne dipinto da Leonardo da Vinci in tre fasi e l’animale venne aggiunto solo nella versione finale dopo che il ritratto era stato completato.

Le tre fasi successive nella realizzazione della Dama con l’Ermellino:

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Sfida sui ghiacci: la guerra dell’Artico tra Nato e Russia
Esteri / La figlia di Putin sta con uno Zelensky: la relazione segreta di Katerina con il coreografo Igor
Cronaca / Mali: rapiti tre cittadini italiani e uno togolese da un gruppo di uomini armati
Ti potrebbe interessare
Esteri / Sfida sui ghiacci: la guerra dell’Artico tra Nato e Russia
Esteri / La figlia di Putin sta con uno Zelensky: la relazione segreta di Katerina con il coreografo Igor
Cronaca / Mali: rapiti tre cittadini italiani e uno togolese da un gruppo di uomini armati
Esteri / Nato, Mosca alla Svezia: “Convochi referendum, il sostegno è basso”
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Fase finale sarà più sanguinosa". Kiev ordina ai difensori di Azovstal di smettere di combattere
Esteri / Vaiolo delle scimmie, l’Oms avverte: “Quadro in rapida evoluzione”
Esteri / Sparatoria in una scuola in Germania: almeno un ferito, fermato un sospetto
Esteri / La gaffe di George W. Bush: “La brutale invasione dell’Iraq… volevo dire “dell’Ucraina” | VIDEO
Esteri / Guerra in Ucraina, Google chiude i suoi uffici in Russia
Esteri / Guerra in Ucraina, telefonata tra i capi di Stato maggiore di Usa e Russia. Mosca: "Pronti per ripresa negoziati". Erdogan: no a Svezia e Finlandia nella Nato.