Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il più importante quotidiano d’opposizione dell’Ungheria ha chiuso

Immagine di copertina

I giornalisti licenziati hanno protestato davanti al parlamento contro la decisione dell’editore considerata politica a causa della posizione anti-Orban del quotidiano

Nuovi dubbi sulla libertà di stampa in Ungheria dopo che il più importante quotidiano d’opposizione e voce critica del governo di Viktor Orban ha chiuso, apparentemente per ragioni economiche.

La decisione di sospendere la pubblicazione di Népszabadság da parte dei suoi editori di Mediaworks è stata giustificata con la necessità di trovare un modello di business sostenibile per risanare i conti.

Il quotidiano era regolarmente il edicola la mattina di sabato 8 ottobre e in molti giornalisti hanno saputo di essere stati licenziati solo quando gli è stato negato l’accesso alla redazione.

Domenica 9 ottobre, circa 2mila manifestanti si sono riuniti fuori dalla sede del parlamento per protestare contro la decisione, ritenuta politica e definita un “golpe”.

Il primo ministro ungherese, il nazionalista Viktor Orban, in passato ha pubblicamente espresso il suo desiderio di instaurare una “democrazia illiberale” in Ungheria ed è stato accusato in più occasioni di aver tentato di interferire con la stampa. 

Mediaworks aveva acquistato il controllo della maggioranza di Népszabadság un anno fa, dopo aver comprato la quota del partito socialista, che deteneva il 27,7 per cento delle azioni. 

In una nota gli editori hanno parlato di gravi perdite del giornale, tali da giustificare la loro decisione: “Népszabadság ha perso negli ultimi dieci anni il 74 per cento di circolazione, corrispondente a più di 100mila copie”. 

Ma i giornalisti, che sono stati licenziati, sono convinti che si tratti di una mossa politica. Alcuni giorni prima dell’improvvisa decisione, il quotidiano aveva pubblicato un’inchiesta che svelava accuse di corruzione nei confronti di un ministro del governo di Orban e si era schierato contro il referendum sulle quote dei migranti.

“Sicuramente tenteranno di giustificare la scelta con ragioni commerciali, ma non è la verità. Népszabadság era il più grande dei quotidiani di qualità in Ungheria e tentava di difendere i valori della libertà, della democrazia, della libertà di espressione e della tolleranza”, ha detto un giornalista all’AFP.

Anche il partito di estrema destra Jobbik ha dichiarato che, a loro avviso, la sospensione delle pubblicazioni è avvenuta per ragioni politiche.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Il futuro dipende dai non vaccinati, salveranno l’umanità”: l’ultima teoria folle del Nobel Montagnier
Esteri / Djokovic, appello respinto: sarà espulso dall’Australia. “Deluso dalla sentenza”
Esteri / Proteste in Kazakistan, aggiornato il bilancio dei morti: sono 225
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Il futuro dipende dai non vaccinati, salveranno l’umanità”: l’ultima teoria folle del Nobel Montagnier
Esteri / Djokovic, appello respinto: sarà espulso dall’Australia. “Deluso dalla sentenza”
Esteri / Proteste in Kazakistan, aggiornato il bilancio dei morti: sono 225
Esteri / Come in un film, dottoressa fa nascere una bambina in volo: “Si chiama Miracolo”
Esteri / Eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Haʻapai, ora è allarme tsunami | VIDEO
Esteri / Novak Djokovic nuovamente in stato di detenzione al Park Hotel. Stanotte decisione definitiva sull’esplusione
Esteri / Stati Uniti, dura accusa alla Russia: “Ha inviato commando in Ucraina per dare il pretesto all’invasione”
Esteri / Principe Andrea estromesso dalla famiglia reale per le accuse di abusi sessuali: “Decisivo il ruolo di William”
Esteri / Francia, Zemmour contro l’inglese: “Non deve essere più usato nell’Ue”
Esteri / Regno Unito, Ikea taglia l’indennità di malattia ai dipendenti non vaccinati costretti all’autoisolamento