Covid ultime 24h
casi +19.350
deceduti +785
tamponi +182.100
terapie intensive -81

Il pilota che ha attaccato la Corte suprema in Venezuela è comparso per la prima volta in pubblico

Il poliziotto fuggitivo ha partecipato a una veglia dell'opposizione per ricordare le vittime della repressione del presidente Maduro

Di TPI
Pubblicato il 14 Lug. 2017 alle 15:22 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 16:28
0
Immagine di copertina
Credit: Reuters

Il poliziotto che lo scorso 27 giugno ha attaccato la Corte suprema del Venezuela con un elicottero rubato ha fatto la sua prima comparsa in pubblico da quando è diventato un latitante.

Oscar Pérez, 36 anni, è ricercato e accusato di terrorismo e di lavorare per le potenze straniere.

Un filmato ora mostra il volto di Pérez al centro di un gruppo di manifestanti mascherati durante una veglia per ricordare le vittime della repressione del presidente Nicolas Maduro.

L’ex poliziotto chiede di mettere in atto uno sciopero generale il 18 luglio contro il governo, parlando di “ora zero”. Pérez  chiede inoltre ai cittadini venezuelani di tenere una votazione simbolica contro il piano del governo di modificare la Costituzione.

Pérez ha lavorato come poliziotto per 15 anni. Durante il suo attacco ha lanciato diverse granate sulla Corte suprema. Nessuno è rimasto ferito.

– LEGGI ANCHE: Chi è Oscar Perez, il pilota che ha attaccato la Corte Suprema in Venezuela

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.