Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:17
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Yemen, una petroliera abbandonata potrebbe esplodere provocando una catastrofe ambientale

Immagine di copertina

Anche una piccola esplosione potrebbe provocare il versamento di 1,14 milioni barili di greggio

Nel Mar Rosso una petroliera yemenita abbandonata rischia di provocare una catastrofe ambientale. Gli esperti l’hanno definita una “bomba galleggiante”, pronta a esplodere. Basterebbe un piccolo cedimento strutturale a provocare una catastrofe ambientale da un momento all’altro.

La nave cisterna si chiama “Safer” e da 19 anni si trova ancorata al largo delle coste dello Yemen, a 7 chilometri dal porto di Ras Isa, nel nord-ovest del Paese. È di proprietà di una delle maggiori compagnie petrolifere dello Yemen.  In passato era una nave deposito destinata all’esportazione ma nel 2015 quando è esploso il conflitto tra l’Arabia Saudita e i ribelli sciiti zaiditi Houthi, la petroliera è stata abbandonata senza ricevere alcuna manutenzione.

In assenza di controlli e di adeguate attività di mantenimento, le caldaie della petroliera non producono più il gas inerte che impedisce la combustione. Senza questo deterrente nei serbatoi di stoccaggio potrebbero essersi accumulati gas esplosivi. Il rischio, secondo il Conflict and Environment Observatory (Ceobs), è che un imprevisto dovuto all’incuria, possa provocare un’esplosione.  Se questo dovesse accadere 1,14 milioni barili di greggio potrebbero riversarsi nel Mar Rosso.

Ad annunciare il rischio è Mark Lowcock, sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari che la scorsa settimana ha allarmato il Consiglio di sicurezza dell’ONU sui possibili pericoli della marea nera. Il petrolio potrebbe diffondersi a nord di Suez, in Egitto, fino ad arrivare allo stretto di Hormuz.

Il governo yemenita ha avvertito che un incidente potrebbe causare una catastrofe ambientale “quattro volte maggiore di quella provocata dalla fuoriuscita di petrolio di Exxon Valdez del 1989”. Allora la superpetroliera Exxon si incagliò in una scogliera dello stretto di Prince William, nel golfo di Alaska, e furono dispersi in mare oltre 40,9 milioni di litri di petrolio.

Il riassunto della guerra in Yemen
Yemen: le bombe made in Italy che uccidono i civili. L’inchiesta di TPI svela il business di armi tra Arabia Saudita e Italia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Ti potrebbe interessare
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Offensiva russa brutale, ci servono altre armi". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Esteri / Strage in Texas, la rabbia del coach Nba Steve Kerr che irrompe in conferenza stampa: “Non parlerò di basket”
Esteri / "Ha una protesi": il video che alimenta nuovi dubbi sullo stato di salute di Vladimir Putin