Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Una petizione per arrestare il primo ministro israeliano

Immagine di copertina

Quasi 80mila persone hanno firmato una petizione per arrestare il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu per crimini di guerra

Quasi 80mila cittadini britannici hanno firmato una petizione per far arrestare per crimini di guerra il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, che a settembre si recherà a Londra in visita ufficiale.

L’iniziativa è stata lanciata da Damian Moran ed è stata pubblicata sulla pagina web del governo. Qualsiasi cittadino britannico infatti può lanciare una petizione su questa piattaforma, che può essere firmata inserendo un nome, un indirizzo mail e un codice postale valido nel Regno Unito.

Nella petizione si legge: “Secondo la legge internazionale, al suo arrivo nel Regno Unito, Netanyahu dovrebbe essere arrestato per i crimini di guerra e per il massacro di oltre 2.000 civili nel 2014″. 

Secondo Moran, durante l’offensiva delle truppe israeliane nella Striscia di Gaza – dall’8 luglio al 26 agosto 2014 – sono stati commessi crimini di guerra, perché le truppe israeliane hanno deliberatamente colpito obbiettivi civili. 

L’ambasciata israeliana a Londra ha definito la petizione in questione “una trovata pubblicitaria senza senso”. Il governo britannico dopo 10mila firme è stato obbligato a rispondere pubblicamente, scrivendo che “i capi di stato stranieri in visita in un altro Paese godono di immunità e dunque non possono essere arrestati”.

Il governo ha inoltre precisato di essere dispiaciuto per le vittime del conflitto a Gaza lo scorso anno, ma ha ribadito il diritto di Israele a difendersi in maniera efficace, seppur rispettando i limiti dei trattati internazionali. 

Anche dopo la guerra del 2008 a Gaza alcuni avvocati britannici avevano cercato di far arrestare l’ex ministro della Giustizia israeliano Tzipi Livni, ma senza successo.

— Leggi anche: Non tutti i bambini sono uguali

— Leggi anche: L’incubo dei palestinesi

— Leggi anche: Pagheremo la sconfitta morale di Israele

Ti potrebbe interessare
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Ti potrebbe interessare
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio