Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:31
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Perché è importante ricordare il giornalista David Halberstam

Immagine di copertina

Nell'aprile del 2007 moriva in un incidente automobilistico David Halberstam, premio Pulitzer per l'International Reporting nel 1964. Il Washington Post lo ricorda

Nell’aprile del 2007 moriva in un incidente automobilistico David Halberstam, premio Pulitzer per l’International Reporting nel 1964.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come 

Dopo la sua morte i colleghi hanno pubblicato il suo libro “The Coldest Winter: America and the Korean War”. 

La squadra di promozione del libro postumo di Halberstam era composta da importanti giornalisti e scrittori come Seymour Hersh, Bob Woodward, Joan Didion, Anna Quindle, Samantha Power e Bill Walton.

L’intento di quel tour promozionale era quello di promuovere il libro, non l’autore.

“Non c’è bisogno di questo per mantenere David vivo”, ha detto Seymour Hersh.

A dieci anni dalla sua morte, nel mondo non si parla molto di David Halberstam, pochi sanno chi è. “Ed è una vergogna. Poiché nessuno ha raccontato la notevole storia dell’America del XX secolo bene come Halberstam”, scrive il Washington Post.

“Se pensi di aver raccontato abbastanza, ti sbagli, mi diceva sempre”, racconta la collega Quindlen, che ha conosciuto Halberstam negli anni ’70, quando stava lavorando al New York Times. 

Per Halberstam, i fatti erano la base. E quella base costituiva la verità che gli ha permesso di attingere alla sua vasta conoscenza della politica, della psicologia e del sociale. 

Nel 1962 fu mandato dal New York Times a coprire la guerra in Vietnam. Nonostante abbia scritto libri su tantissimi argomenti, rimane quello il suo lavoro più importante, che gli valse il premio Pulitzer due anni dopo. 

Era un’ispirazione per scrittori più giovani e un mentore, scrive ancora Geoff Edgers sul Washington Post. Oltre ad essere una grande reporter, era anche un ottimo storico. 

È importante ricordare, oggi più che mai Halberstam, dice la giornalista Anna Quindlen, citata dal quotidiano statunitense. Oggi più che mai, oggi che la Casa Bianca si sta impegnando per screditare i giornalisti e i media e dipingerli come fabbricatori di fake news. 

“I giornalisti non sono quasi mai delle star e probabilmente non devono esserlo”, dice Quindlen. “La maggior parte degli americani non sanno chi è Nellie Bly o Ida B. Wells. Woodward e Bernstein sono l’eccezione che conferma la regola, e penso che valga anche con David. Non è necessario ricordarne il nome. Dovremmo vivere ogni giorno con lo standard che lui ha impostato”.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”