Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:41
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Due peacekeeper dell’Onu e un civile sono stati uccisi in Mali

Immagine di copertina

A Kidal, nel nord del Paese, sono stati lanciati alcuni razzi contro una base delle Nazioni unite. Si sospetta che l'attacco sia opera dei jihadisti

Sabato 27 novembre, un gruppo armato ha attaccato e lanciato razzi contro una base dei peacekeeping dell’Onu a Kidal, nel nord del Mali, uccidendo due peecekeeper e un civile, ha affermato il portavoce delle forze dell’Onu in Mali (Minusma) Olivier Salgado. L’attentato non è stato ancora rivendicato, ma si sospetta che sia opera dei jihadisti.

Una fonte della sicurezza del nord del Mali avrebbe dichiarato all’agenzia americana Reuters che due giorni prima dell’attacco sarebbero arrivate minacce di un imminente attacco al campo di Kidal da parte di un gruppo jihadista.

“L’attacco è avvenuto alle quattro del mattino quando quattro o cinque razzi sono stati lanciati all’interno della base Onu” ha dichiarato Olivier Salgado a Reuters

Truppe francesi e le forze dell’Onu, che contano circa 10mila uomini, stanno cercando di stabilizzare il Paese, una ex colonia francese, dopo che la capitale Bamako è stata colpita il 20 novembre da un attentato islamista all’hotel Radisson Blue uccidendo 20 persone.

Tre gruppi terroristici jihadisti, al-Qaeda nel Maghreb Islamico (AQMI), il gruppo al-Murabitun e il Fronte di Liberazione del Mali (Mlf), avrebbero rivendicato l’attacco all’hotel. Gli analisti sostengono che questi tre gruppi potrebbero aver collaborato nell’attacco.

Nel 2012 il nord del Mali era stato occupato da combattenti islamici, alcuni legati all’organizzazione terrorista al-Qaeda.

Un’operazione militare condotta dalla Francia era riuscita a liberare l’area, ma le violenze sono continuate.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”
Esteri / Incendio in Spagna: migliaia di persone in fuga dalle fiamme vicino alla Costa del Sol