Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Dieci morti in un attacco suicida in Pakistan

Immagine di copertina

L'aggressione, rivendicata dai Taliban, è avvenuta a Jamrud in un'area considerata altamente instabile

Le autorità pakistane hanno reso noto che martedì 19 gennaio almeno dieci persone sono rimaste uccise e 20 sono state ferite, in seguito a un attentato suicida avvenuto a un posto di blocco nel nord-ovest del paese.

Il funzionario governativo locale, Munir Khan, ha riferito che l’attentatore si è lanciato a bordo della sua motocicletta contro un veicolo della polizia parcheggiato accanto al posto di blocco. La moto era imbottita di esplosivo.

Secondo fonti ufficiali, tra le vittime ci sono almeno cinque agenti di polizia, tra cui l’ufficiale di linea a cui apparteneva il veicolo colpito, oltre a un bambino e un giornalista locale.

Riprese televisive mostrano i rottami bruciati delle vetture mentre i soccorritori si affrettano a mettere in salvo i feriti, trasportati insieme ad alcune delle vittime al complesso medico Hayatabad nella vicina Peshawar.

(Un video mostra i momenti successivi all’attacco)

Il comandante dei Taliban pakistani, Maqbool Dawar, ha rivendicato l’attacco e ha riferito che si tratta di una ritorsione per la presunta morte in prigione di alcuni membri del gruppo.

Dawar ha anche precisato che il giornalista rimasto ucciso non era un obiettivo. Anche un altro gruppo talebano ha rivendicato l’attacco.

L’aggressione ha avuto luogo nella zona di Jamrud, prossima alle aree tribali di amministrazione federale, una regione semi-autonoma altamente instabile.

A fine 2014, in seguito all’attacco contro una scuola gestita dall’esercito che causò la morte di oltre 150 persone, per lo più bambini, le forze di sicurezza pakistane hanno intensificato la lotta contro i Taliban e altri gruppi armati lungo il confine con l’Afghanistan.

Nel dicembre 2015, un altro attentato contro uffici governativi era costato la vita ad almeno 23 persone. Nonostante gli episodi di questa natura siano diminuiti in seguito al giro di vite delle forze armate pakistane i Taliban lanciano occasionali attacchi suicidi e raid contro le forze di sicurezza.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi