Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’opposizione siriana tornerà a partecipare ai negoziati di pace ad Astana

Immagine di copertina

I ribelli non si erano presentati all'appuntamento nella capitale del Kazakistan e avevano chiesto al governo di fermare i bombardamenti

L’opposizione siriana tornerà a partecipare ai negoziati di Astana sul conflitto siriano il 4 maggio. La notizia è stata comunicata dall’agenzia di stampa Ria che ha citato una fonte coinvolta nei colloqui di pace.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il 3 maggio una fonte diplomatica aveva comunicato a Reuters che la delegazione dei ribelli non si era presentata all’appuntamento nella capitale del Kazakistan. L’opposizione armata siriana aveva confermato di aver sospeso la sua partecipazione ai negoziati e aveva chiesto al governo di interrompere i bombardamenti sull’area del paese che è sotto il suo controllo. 

I partecipanti ai negoziati di Astana hanno approvato nel primo pomeriggio del 4 maggio il memorandum che istituisce le quattro “aree di sicurezza” – o zone cuscinetto – in Siria. L’aviazione siriana e quella russa fermeranno le operazioni militari in queste aree. 

Il memorandum prevede lo stop a tutte le ostilità tra ribelli e forze governative siriane all’interno delle zone cuscinetto, a partire dal 6 maggio. Il documento ha validità di sei mesi e può essere prolungato per altri sei.

I paesi garanti della tregua in Siria – Russia, Turchia e Iran – delineeranno le mappe delle “zone sicure” entro il 4 giugno. 

La delegazione dell’opposizione armata siriana ha dichiarato “inaccettabile” ogni accordo di cessate-il-fuoco che non comprenda “tutto il territorio della Siria”. I ribelli inoltre rigettano ogni coinvolgimento dell’Iran e “delle milizie ad esso legate” nonché il suo ruolo di “garante della tregua”.

Il prossimo vertice di Astana si terrà a metà luglio e sarà preceduto da consultazioni di esperti in Turchia.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Afghanistan è senza vaccini, e i bambini pagano il prezzo dell’egoismo dei paesi ricchi
Esteri / “Pipistrelli vivi in gabbia”: il video che smentisce l’Oms | VIDEO
Esteri / “L’Ultimo G7”. La Cina irride l’Occidente, tranne l’Italia: “Lupo che resiste agli Usa”
Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Afghanistan è senza vaccini, e i bambini pagano il prezzo dell’egoismo dei paesi ricchi
Esteri / “Pipistrelli vivi in gabbia”: il video che smentisce l’Oms | VIDEO
Esteri / “L’Ultimo G7”. La Cina irride l’Occidente, tranne l’Italia: “Lupo che resiste agli Usa”
Esteri / Nato, i leader: "Da Cina e Russia minacce alla sicurezza". Draghi: "Riaffermare alleanza Usa"
Esteri / Putin: "Navalny? Non abbiamo l'abitudine di assassinare nessuno"
Esteri / Scandalo 1MDB: ex rapper dei Fugees accusato di pressioni per convincere Trump a non indagare
Esteri / Sversamento di idrocarburi a largo della Corsica: “Si rischia il disastro ambientale”
Esteri / Sudan, scarcerato Marco Zennaro: l'imprenditore italiano è ai domiciliari in hotel 
Esteri / Israele chiude la più importante organizzazione sanitaria palestinese. A rischio lotta al Covid
Esteri / Nuovi raid in Siria, bombardato un ospedale ad Afrin: almeno 18 morti