Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:47
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

New York, 15enne ucciso a colpi di machete per uno scambio di persona

Immagine di copertina
Lesandro Guzman-Feliz

Lesandro Guzman-Feliz è stato trascinato fuori da un negozio e ucciso. Almeno 7 sospetti sono stati arrestati

L’omicidio di Lesandro Guzman-Feliz, 15 anni, avvenuto a New York mercoledì 20 giugno, ha attirato l’attenzione della stampa internazionale dopo che il video dell’aggressione nei suoi confronti, a colpi di machete, è stata pubblicata online.

Secondo le autorità, è probabile che si sia trattato di uno scambio di identità da parte dei membri di una gang criminale di New York.

Nei giorni successivi, in relazione all’omicidio sono state arrestate almeno sette persone, come riporta il New York Times.

Mercoledì 20 giugno Lesandro, che era conosciuto come Junior, è stato trascinato fuori da un negozio nella zona Belmont, nel Bronx e accoltellato da diverse persone.

L’omicidio è stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza e dai cellulari delle persone presenti.

Moltissime persone hanno contattato il numero di emergenza della polizia per fornire indicazioni sui responsabili dell’aggressione. È partita anche una campagna sui social per chiedere giustizia per il ragazzo, con l’hashtag #JusticeforJunior.

Il ragazzo aveva partecipato a un programma per giovani interessati a una carriera nelle forze dell’ordine.

La polizia ha detto che esiste una grande possibilità che l’assassinio sia stato effettuato da membri dei Trinitarios, una banda dominicana attiva a New York, e ha aggiunto che non vi sono prove che Lesandro fosse la persona che stavano cercando.

Alcuni giornali, tra cui il New York Post, hanno diffuso la notizia che Lesandro potrebbe essere stato scambiato per un giovane che aveva diffuso un filmino porno con una ragazza imparentata con uno dei membri della gang, ma non ci sono conferme ufficiali su questa ipotesi.

Il filmino sarebbe stato diffuso su Facebook.

I sospetti arrestati per l’omicidio di Lesandro sono: Kevin J. Alvarez, 19 anni, Jose Muniz, 21 anni, Paterson, N.J., Jose Tavarez, 21 anni, Manuel Rivera, 18 anni, Danel Fernandez, 21 anni, Santiago Rodriguez, 24 anni e Joniki Martinez, 24 anni.

La gang chiamata Trinitarios è stata collegata a diverse sparatorie e aggressioni nelle ultime settimane, tra cui un episodio in cui un ragazzo di 14 anni è stato accoltellato nel Bronx River Park e ora si trova in condizioni critiche.

Qui il video del momento in cui Lesandro è stato trascinato fuori dal locale:

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid
Esteri / Regno Unito, Johnson annuncia la fine delle restrizioni: ma la pandemia corre ancora