Covid ultime 24h
casi +26.831
deceduti +217
tamponi +201.452
terapie intensive +115

Una nonna partorisce al posto della figlia la nipotina concepita in provetta

Di Beatrice Tomasini
Pubblicato il 5 Apr. 2019 alle 08:30 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 00:25
0
Immagine di copertina
Credits: WALES NEWS SERVICE

Una nonna ha dato alla luce la nipotina al posto della figlia che non avrebbe mai potuto portare avanti la gravidanza perché senza utero. La vicenda si è svolta in Inghilterra ed è stata ripresa da diversi media inglesi come il “Mirror” e il “Sun“.

Emma Miles, 55 anni e in menopausa da 10, si è offerta di fare da madre surrogata per far sì che la figlia Tracey Smith, 31 anni, e il marito Adam potessero realizzare il loro sogno di diventare genitori.

La ragazza non avrebbe potuto portare a termine la gravidanza in quanto senza utero perché affetta dalla sindrome di Küster-Hauser, una condizione congenita caratterizzata dall’agenesia della vagina o dell’utero.

Tracey, non avendo però problemi alle ovaie, è potuta ricorrere alla fecondazione in vitro: l’embrione è stato poi impiantato nell’utero della madre Emma.

La nonna è riuscita a portare a termine la gravidanza e a partorire la nipotina Evie Siân Emma Smith il 16 gennaio scorso. La bambina, nata con il parto cesareo, è sana e pesa quasi 3 chili e mezzo. “Sono così riconoscente nei confronti di mia madre per il meraviglioso dono che ci ha fatto”, ha raccontato alla stampa la giovane.

Una vicenda che ricorda quella vissuta da una coppia sposata omosessuale negli Stati Uniti: in Nebraska la mamma 61enne di uno dei  due si è offerta di fare da madre surrogata e concepire la nipotina.

La signora, quando ha deciso di intraprendere questo percorso, aveva 59 anni e non si è lasciata scoraggiare. Una volta avuto l’ok dai medici ha portato a termine la gravidanza ed è così nata Uma Louise.

Una nonna ha partorito la nipotina facendo da madre surrogata al figlio e al suo compagno

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.