Covid ultime 24h
casi +19.143
deceduti +91
tamponi +182.032
terapie intensive +57

“Mia madre ha nascosto 4 neonati morti nell’armadio per 20 anni”

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 8 Apr. 2019 alle 17:45 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 19:56
0
Immagine di copertina
La donna è morta a febbraio a 64 anni

Per venti anni ha tenuto i cadaveri delle sue bambine nate morte nell’armadio accanto al letto. A febbraio Bernadette Quirk è morta all’età di 64 anni. I corpi delle neonate, venute alla luce nel decennio tra il 1985 e il 1995 – furono rinvenuti nel 2009 dalla figlia della donna, Joanne Lee.

La storia drammatica arriva dal Regno Unito. La vicenda aveva scioccato l’intero paese. La donna era stata denunciata dalla figlia che aveva ritrovato i cadaveri delle bambine. Secondo le analisi condotte sui resti delle neonate, ognuna di loro era figlia di un padre diverso. Secondo le indagini della polizia, sembra che le neonate siano nate nel periodo in cui la donna “beveva e faceva sesso occasionale”.

Nel 2010 la Corte di Liverpool aveva graziato Quirk, dopo aver ammesso quattro accuse relative a nascite occulte. Joanne, oggi 47enne, ha scritto un libro sulla vicenda terribile che l’ha vista indirettamente coinvolta. Si chiama Silent Sisters e uscirà nelle librerie il prossimo 18 aprile.

Era il maggio del 1998 quando Joanne ricevette una confessione da parte della sorellina Cath, di 16 anni. L’adolescente rivelava alla sorella maggiore che la madre aveva nascosto i resti di un neonato nell’armadio.

“Li aveva avvolti in giornali e stracci tenuti in un piccolo contenitore di plastica con un deodorante per ambienti”, ha detto Joanne. In quel momento, però, la ragazza ha semplicemente accompagnato a seppellire il neonato accanto al suo, John, nato morto qualche tempo prima. “Se avessi saputo che c’erano altri bambini sarei andata alla polizia subito”, ha detto Joanne.

“Sapevo che stavo sbagliando e sarei potuta andare in prigione, ma ho pensato a mio figlio John: anche lei aveva passato quello che ho passato io e mi dispiaceva per lei. Pensavo che fosse addolorata”, ha continuato la donna.

Nel 2010 il procuratore Anya Horwood della Corte di Liverpool ha raccontato di come la donna soffrisse per la fine del matrimonio. Quirk negli anni Ottanta aveva avuto una brutta separazione dal marito che aveva avuto conseguenze sulla sua stabilità psicologica. Ma non solo: la donna era diventata un’alcolista.

“L’alcolismo dell’imputata ha significativamente compromesso la sua capacità di prendersi cura dei suoi figli, della sua famiglia e di se stessa. Ha avuto un numero di relazioni sessuali durante questo periodo”, ha spiegato Horwood.

“Ha detto che ha dato alla luce i bambini in casa da sola e che non si muovevano, erano fermi e non facevano rumore. A quel punto li ha avvolti e li ha buttati nel cestino”, disse l’ispettore capo della polizia di Merseyside, Neil Bickley.

“Non sopportavo mia madre, ma non tornerei mai indietro, oggi sono una madre migliore”, ha detto Joanne, che oggi è mamma di tre figli e nonna di quattro nipotini. Quello che Quirk si porterà nella tomba è la motivazione per cui abbia nascosto i cadaveri delle sue bambine nell’armadio.

Olanda, 11 neonati sono morti a causa di un esperimento con il Viagra su donne incinte

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.