Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:32
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il video della misteriosa creatura marina ritrovata in Indonesia

Immagine di copertina

La carcassa dell'animale è stata ritrovata sull'isola indonesiana di Seram ed è lunga 15 metri. I biologi stanno tentando di stabilire a quale specie appartenga

La carcassa di una creatura marina gigante è stata scoperta sull’isola indonesiana di Seram, nella provincia di Maluku. Secondo i media locali, l’animale è lungo almeno 15 metri. A fare il ritrovamento è stato un residente del luogo, Asrul Tuanakota di 37 anni.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Inizialmente, l’uomo impegnato a pescare al buio, ha intravisto un ammasso indefinito scambiandolo per un’imbarcazione, ma quando ha cominciato ad avanzare verso la riva si è reso conto che si trattava di ben altro. Davanti a sé è apparso un animale di grandi dimensioni, con un manto bianco slavato e senza alcuna forma precisa. 

Secondo alcuni, l’animale sarebbe morto da almeno tre giorni prima di essere spinto verso la riva dalla corrente del mare. Per quanto concerne la categoria di appartenenza, la tesi maggiormente sostenuta dai ricercatori è che si tratti di un calamaro gigante. Altri invece hanno replicato sostenendo che l’animale fosse in realtà una balena. Quest’ultima tesi è stata sostenuta con forza dal personale delle risorse marine e costiere indonesiane. 

Nel frattempo, sono in corso i test di laboratorio per stabilire a quale specie animale appartenga la carcassa rinvenuta. Intorno all’animale morto si sono radunati residenti e folle di curiosi pronti a  immortalare la strana creatura riversa sulle rive di Hulung Beach. 

Il vice capo del dipartimento di previsione dell’Istituto di ricerca oceanografico di Sakhalin, Nikolay Kim, ha dichiarato: “A giudicare dalla comparsa della testa, questa appartiene chiaramente a un delfino. Si tratterebbe di una specie rara, a giudicare dalla caratteristica della sua pelle. Dubito che questo animale abbia vissuto nelle nostre acque, molto probabilmente è stato trasportato dalla corrente calda”, ha aggiunto il vice capo Kim. 

Tuttavia, ancora nessun ricercatore, biologo o scienziato è riuscito a capire a quale specie appartenga quella strana creatura. 

(Qui sotto il video che mostra l’animale rinvenuto sull’isola di Seram. )

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio
Esteri / Dalla Germania alla Cina: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Corea del Nord: condannato a morte per aver importato una copia di Squid Game
Esteri / Le storie dei lavoratori che sfidano Amazon nel giorno del Black Friday
Cronaca / Sudafrica, rilevata nuova variante Covid-19: “Minaccia grave”
Esteri / Iran, uccise la fidanzata a 17 anni: impiccato 25enne. Amnesty: “Ha confessato sotto tortura”
Esteri / La nuova Germania di Olaf Scholz: lotta alla crisi climatica, salario minimo e cannabis legalizzata