Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Secondo l’intelligence americana la Corea del Nord sta costruendo nuovi missili intercontinentali

Immagine di copertina
Credit: Afp

Lo riporta il quotidiano americano Washington Post. Pyongyang nei mesi scorsi si era impegnata a iniziare le operazioni per denuclearizzare la penisola

La Corea del Nord starebbe costruendo nuovi missili all’interno di una fabbrica che era stata utilizzata per la realizzazione dei primi missili intercontinentali in grado di raggiungere gli Stati Uniti. Lo hanno rivelato fonti dell’intelligence americana al Washington Post.

Secondo i funzionari interpellati, rimasti anonimi, prove ottenute di recente, che includono foto satellitari scattate nelle ultime settimane, mostrano che sarebbero in corso lavori su uno, o forse due, Icbm, missili intercontinentali balistici, in un grande centro di ricerca a Sanumdong, alla periferia di Pyongyang.

La scoperta non suggerirebbe un’espansione delle capacità militari della Corea del Nord, ma mostrerebbe come il lavoro sulle armi avanzate stia continuando settimane dopo che il presidente Usa Donald Trump aveva dichiarato in un post su Twitter che Pyongyang “non è più una minaccia nucleare”.

Le notizie sui nuovi missili arrivano dopo le recenti rivelazioni su un presunto impianto di arricchimento dell’uranio, chiamato Kangson, al quale la Corea del Nord starebbe lavorando in segreto. Il segretario di Stato Mike Pompeo aveva riconosciuto, durante un’audizione al Senato la scorsa settimana, che le fabbriche nordcoreane “continuano a produrre materiale” usato per fabbricare armi nucleari. Non aveva confermato, tuttavia, la possibilità che Pyongyang stesse costruendo nuovi missili.

La denuclearizzazione della penisola coreana era stata al centro dello storico vertice, avvenuto a Singapore il 12 giugno 2018, tra Trump e il leader della Corea del Nord, Kim Jong-un. In quell’occasione, il dittatore nordcoreano aveva detto che si sarebbe impegnato per una “completa denuclearizzazione della penisola coreana”.

“Non c’è limite a quello che la Corea del Nord può raggiungere abbandonando le armi nucleari. Kim ha opportunità di essere ricordato come il leader che ha assicurato la sicurezza al suo popolo. Abbiamo firmato un documento per la denuclearizzazione della penisola coreana”, aveva dichiarato Trump al termine dell’incontro.

Il 25 maggio 2010 la Corea del Nord aveva smantellato il sito per i test nucleari di Punggye-ri, nel nord-est del paese.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei. Netanyahu: "Ci vorrà ancora tempo ma ce la faremo"
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Ti potrebbe interessare
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei. Netanyahu: "Ci vorrà ancora tempo ma ce la faremo"
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown