Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il Messico schiererà 6mila soldati per fermare i migranti

Immagine di copertina

Messico | Esercito | Soldati per fermare migranti

MESSICO SOLDATI ESERCITO MIGRANTI – Una soluzione radicale per fermare i flussi migratori. È quella che intende adottare il Messico. Il Paese vuole dispiegare 6mila soldati al confine meridionale con il Guatemala per impedire ai migranti di entrare nel territorio nazionale e da lì passare negli Stati Uniti. A riferirlo è stato il ministro degli esteri messicano Marcelo Ebrard, a Washington per cercare di impedire che gli Usa introducano dazi commerciali sulle merci messicane. Una misura necessaria, secondo il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che punta il dito sul fallimento del governo del Messico nell’intraprendere azioni efficaci per fermare il flusso di immigrati. Ne parla la Bbc.

Migranti Messico | 6mila soldati per fermare gli ingressi

“Abbiamo spiegato che ci sono 6mila uomini e che saranno schierati lì”, ha detto il ministro messicano Ebrard aggiungendo che i colloqui continueranno venerdì. Secondo la proposta di Trump, i dazi dovrebbero aumentare del 5 per cento ogni mese su una serie di beni, compresi auto, birra, tequila, frutta e verdura, raggiungendo il 25 per cento entro ottobre.

Il presidente Usa vuole che il Messico fermi le centinaia di migliaia di migranti prevalentemente centroamericani che hanno cercato l’ingresso negli Stati Uniti quest’anno. La settimana scorsa Trump annunciato le tariffe messicane in programma via Twitter, sorprendendo i membri del suo stesso partito e i mercati finanziari.

> Migranti, la nave Asso 25 recupera 50 persone e si dirige verso Lampedusa

La situazione al confine tra Usa e Messico resta complicata. La Us Customs and Border Protection, la maggiore tra le forze dell’ordine per la sicurezza delle frontiere, alle dipendenze del Dipartimento della sicurezza interna degli Stati Uniti, ha annunciato questa settimana che a maggio gli arresti di migranti sono aumentati al livello più alto in più di un decennio.

La Border Patrol, l’agenzia di polizia federale americana che ha l’obiettivo di rilevare e impedire gli ingressi illegali negli States, a maggio ha fermato 132.887 migranti che tentavano di entrare negli Usa dal Messico, segnando un aumento del 33 per cento rispetto al mese precedente.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Pakistan, 14enne si spara accidentalmente e muore mentre gira video su TikTok
Esteri / Polonia, donna incinta muore dopo aver portato in grembo un feto morto per 7 giorni
Esteri / Ucraina, tensione ancora alta: ambasciatore Usa consegna la risposta scritta alle garanzie chieste da Mosca
Ti potrebbe interessare
Esteri / Pakistan, 14enne si spara accidentalmente e muore mentre gira video su TikTok
Esteri / Polonia, donna incinta muore dopo aver portato in grembo un feto morto per 7 giorni
Esteri / Ucraina, tensione ancora alta: ambasciatore Usa consegna la risposta scritta alle garanzie chieste da Mosca
Esteri / Usa, 23enne trovata morta dopo un appuntamento su un’app di incontri: si indaga per omicidio
Esteri / Francia, il Parlamento approva: “Vietate le ‘terapie di conversione’ usate per ‘guarire’ l’omosessualità”
Esteri / “La Cina ha realizzato una app per spiare gli atleti alle Olimpiadi di Pechino”: l’accusa
Esteri / Crisi Russia-Ucraina, venti di guerra soffiano alle porte dell’Europa: cosa sta succedendo
Esteri / Crisi Ucraina-Russia, l’Italia rischia di trovarsi in prima linea al costo di 78 milioni di euro
Esteri / “Il dilemma di Draghi”: la stampa internazionale si divide sull’ipotesi dell’ex banchiere al Quirinale
Esteri / Ucraina, la Nato annuncia l’invio di forze in Europa orientale. Il Cremlino: “L’Occidente aumenta le tensioni“