Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Migliaia di cittadini hanno marciato per la democrazia da Ankara a Istanbul

Immagine di copertina

La "marcia per la giustizia" è partita da Ankara ed è arrivata il 9 luglio, a Istanbul, su iniziativa del leader del partito popolare repubblicano di opposizione, Kemal Kilicdaroglu, come protesta dopo la detenzione di uno dei suoi parlamentari, Enis Berberoglu

Decine di migliaia di cittadini turchi hanno marciato per 400 chilometri nelle ultime tre settimane per chiedere al governo di allentare la morsa sulla democrazia del paese.

La “marcia per la giustizia” è partita da Ankara ed è arrivata oggi, 9 luglio, a Istanbul, su iniziativa del leader del partito popolare repubblicano di opposizione, Kemal Kilicdaroglu, come protesta dopo la detenzione di uno dei suoi parlamentari, Enis Berberoglu.

L’iniziativa di Kilicdaroglu è stata accolta da migliaia di cittadini lungo la strada ed è attesa una grandissima folla a Istanbul all’arrivo della marcia. Obiettivo principale della protesta è il presidente Recep Tayyip Erdogan.

“La Turchia ha smesso di essere un paese democratico, è ormai retta da un uomo solo”, ha spiegato Kilicdaroglu alla CNN. “Questo non lo possiamo accettare”.

Nonostante la fatica e le alte temperature, il corteo che è giunto a Istanbul era festoso e pacifico.

La marcia arriva quasi un anno dopo che il fallito golpe militare del 15 luglio ha fatto cambiare direzione al paese, conducendo la Turchia verso una dittatura de facto.

In seguito al tentativo di colpo di stato, Erdogan e il suo governo hanno bloccato le libertà civili in tutto il paese, con epurazioni che hanno colpito le istituzioni pubbliche e le università, hanno fortemente limitato i media e hanno ordinato arresti di massa di attivisti, giornalisti e opposizione politica.

Il paese è ancora sotto lo stato di emergenza.

Lo scorso aprile Erdogan, dopo un referendum, ha ottenuto nuovi poteri straordinari trasferiti dal parlamento al governo. Il ruolo di presidente della repubblica in Turchia è tradizionalmente cerimoniale, ma Erdogan ha assunto il ruolo di leader e capo della nazione.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa