Covid ultime 24h
casi +11.629
deceduti +299
tamponi +216.211
terapie intensive +14

Proteste a Malta: il premier Muscat asserragliato dentro il Parlamento

Migliaia di manifestanti hanno bloccato il primo ministro dentro il Parlamento chiedendo le sue immediate dimissioni

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 2 Dic. 2019 alle 19:39 Aggiornato il 2 Dic. 2019 alle 19:40
51
Immagine di copertina

Proteste a Malta, Muscat bloccato dentro il Parlamento

Il premier Joseph Muscat è bloccato dentro il Parlamento insieme ad altri deputati del partito laburista a causa delle proteste che si stanno svolgendo a Malta inerenti al caso dell’omicidio di Daphne Caruana Galizia.

Dopo le crescenti pressioni dell’opinione pubblica, Muscat aveva annunciato la sua intenzione di dimettersi a gennaio 2020, quando il partito laburista sceglierà un nuovo leader, in un processo che si avvierà il 12 gennaio 2020. Tuttavia, le migliaia di manifestanti scesi in piazza chiedono che il primo ministro rassegni le sue dimissioni subito.

“Ho promesso giustizia nel caso di Daphne Caruana Galizia. Ho mantenuto la mia parola, abbiamo tre persone accusate del suo omicidio e anche la presunta mente incriminata” aveva affermato Muscat dopo gli ultimi sviluppi dell’indagine sull’omicidio della giornalista, che hanno costretto il capo dello staff di Muscat Keith Schembri e il ministro del Turismo Konrad Mizzi, mentre il ministro dell’Economia Chris Cardona ha deciso di autosospendersi.

Leggi anche:

Omicidio Daphne Caruana Galizia, il re dei casinò pagò 150mila euro per i sicari. L’Ue manda una missione urgente

L’inchiesta sull’omicidio di Daphne Caruana Galizia fa tremare il governo di Malta

Daphne Caruana Galizia, il figlio a TPI: “La sua battaglia non è ancora finita”

Chi era Daphne Caruana Galizia e chi la voleva morta

51
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.