Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:42
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

In Mali i soldati hanno aperto il fuoco sui manifestanti uccidendone tre

Immagine di copertina

Le proteste erano dirette contro il governo e l'insediamento di una nuova autorità ad interim

I soldati del Mali hanno aperto il fuoco su alcuni manifestanti che protestavano contro il governo nella città di Gao, nel nord del paese, uccidendo tre di loro e ferendone almeno 31.

Le proteste di martedì 12 luglio 2016 erano dirette contro una nuova autorità ad interim che verrà insediata venerdì 15 luglio. Testimoni sostengono che alcuni dei manifestanti erano armati di coltelli.

Un anno fa il governo del Mali aveva firmato un accordo di pace con i ribelli tuareg, mettendo fine a un lungo conflitto che aveva destabilizzato il paese e lo aveva reso una base per il jihadismo violento. 

Ci sono però segnali che questo accordo stia vacillando. Il governo e l’alleanza dei ribelli si accusano a vicenda di ritardarne l’applicazione e i secondi sostengono che l’accordo sponsorizzato dall’Onu non accoglie le loro richieste.

Migliaia di manifestanti sono scesi in strada a Gao marciando verso la centrale di polizia e circondandola. Alcuni di loro hanno dato le fiamme a dei copertoni riempiendo l’aria di fumo acre. Altri hanno bersagliato la polizia con dei sassi.

Le forze di sicurezza hanno cercato di disperdere la folla con i gas lacrimogeni e in seguito le forze armate hanno aperto il fuoco.

La sparatoria è terminata intorno alle 11 ora locale e la maggior parte della folla si è dispersa, ma i soldati continuano a pattugliare le strade.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri