Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Mali, tre italiani e un togolese rapiti da uomini armati: sequestrata una coppia con bambino

Immagine di copertina
Credit: Nicolas Remene/Le Pictorium Agency via ZUMA Press

Mali: rapiti tre cittadini italiani e uno togolese da un gruppo di uomini armati

Quattro persone, tra cui tre cittadini italiani, sono state rapite da un gruppo uomini armati in Mali. Il sequestro è avvenuto la scorsa notte, secondo un funzionario locale citato da Afp, a circa 10 chilometri da Koutiala, nella regione di Sikasso, a est della capitale Bamako. Secondo il portale Africa-Express, i sequestrati apparterrebbero a una comunità di Testimoni di Geova: si tratterebbe di una coppia di Potenza, rapita assieme al loro bambino, e di un cittadino togolese. Tutti e quattro sono stati caricati dai sequestratori su una vettura.

“Faremo tutto il possibile per ottenerne la liberazione”, ha detto ad Afp una fonte delle forze sicurezza del Mali, che ha preferito rimanere anonima, confermando che il sequestro è avvenuto nel centro sudorientale di Sincina.

In una nota, il ministero degli Esteri ha dichiarato che l’unità di crisi della Farnesina sta compiendo “le dovute verifiche e accertamenti”, mentre il ministro Luigi Di Maio “sta seguendo in prima persona l’evolversi della vicenda”.

Il Mali è uno dei paesi più instabili del continente africano, teatro di frequenti attacchi jihadisti dal 2012. In quell’anno alcuni gruppi legati ad al-Qaeda hanno ottenuto il controllo del Mali settentrionale, prima di essere respinti da un intervento militare internazionale a guida francese, lanciato a inizio 2013. L’operazione, denominata Barkhane, è prossima alla conclusione a seguito del drastico cambiamento negli equilibri politici a Bamako, che dal 2020 ha subito due colpi di stato, guidati dallo stesso gruppo di ufficiali. La nuova giunta si è avvicinata a Mosca e si è scontrata ripetutamente con le diplomazie occidentali, dopo aver invitato nel paese i mercenari della compagnia russa Wagner. Lunedì scorso, la giunta guidata dal colonnello Assimi Goita ha affermato che alcuni ufficiali “sostenuti dall’Occidente” avrebbero tentato un nuovo colpo di stato tra l’11 e il 12 maggio. In precedenza, la giunta era venuta meno all’impegno di tenere elezioni legislative e presidenziali per il 27 febbraio.

“Presenteremo un piano per ridimensionare la nostra missione in Mali. Abbiamo deciso di sospendere tutte le attività di addestramento delle truppe, e non vedo più una prospettiva perché queste attività possano riprendere nel prossimo futuro”, ha dichiarato oggi l’alto rappresentante dell’Unione Europea per la politica estera e di sicurezza, Josep Borrell, in risposta a una domanda sulla situazione in Mali, dopo la notizia del rapimento. “Bisogna ridurre gli effettivi, in modo coordinato, e rischierarli in altri paesi della regione, e vedere poi come gli obiettivi della missione possano essere ridefiniti per continuare ad assistere la popolazione del Mali”, ha aggiunto Borrell, ribadendo quanto dichiarato a fine aprile da Emmanuel Macron, con l’annuncio del ritiro imminente delle 2.400 forze francesi in Mali per l’operazione Barkhane. Nel paese dell’Africa occidentale sono presenti anche truppe italiane, come parte di una coalizione europea per combattere il terrorismo nella regione del Sahel. La task force, denominata Takuba, è composta da 800 soldati, provenienti anche da Danimarca, Estonia, Francia, Paesi Bassi, Portogallo, Repubblica Ceca, Svezia e Ungheria.

 

Notizia in aggiornamento

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Genova, cameriera chiede il pagamento dello stipendio: “Picchiata dai titolari del ristorante”
Cronaca / “Ero condannato all’ergastolo, ora produco drill e trap”: storia dell’etichetta discografica nata nel carcere di Bollate
Cronaca / Aborto: ecco perché lo tsunami pro-life può travolgere anche l’Italia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Genova, cameriera chiede il pagamento dello stipendio: “Picchiata dai titolari del ristorante”
Cronaca / “Ero condannato all’ergastolo, ora produco drill e trap”: storia dell’etichetta discografica nata nel carcere di Bollate
Cronaca / Aborto: ecco perché lo tsunami pro-life può travolgere anche l’Italia
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Palermo, ascensore precipita dal quinto piano: tre feriti gravi
Cronaca / Adinolfi contro il logo del Giubileo: “Ma è un Gay pride?”. La replica del Vaticano
Cronaca / Covid, nuovo picco di casi. Bassetti: “Rischio lockdown estivo”
Cronaca / Milano, l’eurodeputato Fidanza (FdI) indagato per corruzione
Cronaca / Carri armati diretti in Ucraina fermati sull’autostrada Salerno-Caserta: documenti non in regola
Cronaca / Roma, precipita dal quinto piano ma si rompe solo una gamba