Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Ecco qual è il luogo abitato più freddo della Terra

Immagine di copertina

La media invernale si attesta intorno ai 50 gradi sotto lo zero, ma alcune volte precipita fino a meno 70. Il record lo stabilì nel 1924 con -71 gradi

In queste settimane le temperature in diversi paesi dell’Europa hanno sfiorato perfino i meno 30 gradi, con nevicate anche a bassa quota e ondate di gelo provenienti dai paesi balcanici.

Tuttavia, se paragonate alle temperature glaciali registrate in uno sperduto villaggio situato nella Repubblica di Sacha, nella Siberia orientale, sono poca cosa.

Sicuramente quest’ultimo si aggiudicherebbe ancora una volta il primato di paese abitato più freddo della Terra. 

Nonostante le rigidissime temperature invernali, a Oymyakon vivono 500 persone che lottano quotidianamente con il clima gelido e proibitivo. Il freddo è così intenso da condizionare la loro vita quotidiana. 

Nella maggior parte dei casi, gli abitanti sono costretti a trascorrere gran parte del tempo rintanati in casa o negli uffici. Le ore di luce nel periodo invernale sono appena tre e la loro alimentazione è quasi interamente a base di pesce e carne, a causa dei terreni gelati dove è praticamente impossibile coltivare frutta e verdura. 

Con queste temperatura, spesso anche le batterie dei cellulari vanno in tilt e le auto devono restare sempre accese o essere custodite in garage riscaldati, per evitare che si congelino. 

Le medie invernali nel villaggio di Oymyakon si attestano intorno ai 50 gradi sotto lo zero, ma capita che arrivino perfino a sfiorare i meno 70 gradi. Nel 1924 il villaggio stabilì il record: le temperature erano arrivate a meno 71 gradi.

Ma non è sempre così. Durante il periodo estivo, le temperature nel villaggio sfiorano i 22 grandi, con 21 ore di luce. È a quel punto che i suoi abitanti possono finalmente uscire in strada.  

Sicuramente la cittadina siberiana non è annoverata tra le mete di viaggio più gettonate dai turisti nel periodo invernale, ma questo non impedisce a coraggiosi avventurieri di raggiungerla. Come ha fatto il fotografo Amos Chapple che ha trascorso sei settimane a “immortalare la bellezza della regione”. 

(Qui sotto un edificio completamente ghiacciato a Oymykon. Credit: Twitter)

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto il giornalista e scrittore Dominique Lapierre: è l’autore del bestseller “La città della gioia”
Esteri / Indonesia, l’eruzione del vulcano Semeru: evacuata un’intera isola | VIDEO
Esteri / L’Iran abolisce la polizia morale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto il giornalista e scrittore Dominique Lapierre: è l’autore del bestseller “La città della gioia”
Esteri / Indonesia, l’eruzione del vulcano Semeru: evacuata un’intera isola | VIDEO
Esteri / L’Iran abolisce la polizia morale
Esteri / Corriere rapisce una bimba di 7 anni sul vialetto di casa: trovata morta dopo due giorni
Esteri / Una lezione da Cuba: l’isola anomala tra resistenza e lotta al patriarcato
Esteri / Arrestato a Londra l’oligarca russo Mikhail Fridman: è accusato di riciclaggio e cospirazione
Esteri / Ucraina, la Russia bombarda e distrugge il centro oncologico di Kherson: “Colpiti anche edifici residenziali”
Esteri / Iran, demolita la casa di Elnaz Rekabi: gareggiò senza velo ai mondiali di arrampicata
Esteri / Prende a calci un paramilitare durante le proteste in Iran: condannata a morte allenatrice di pallavolo
Esteri / Bimbo di un anno divorato vivo da un coccodrillo sotto gli occhi del padre