Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:45
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Turchia ha licenziato oltre 900 dipendenti pubblici in un solo giorno

Immagine di copertina
Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan

Da luglio 2016, oltre 140mila cittadini hanno perso il loro posto di lavoro, sospettati di aver collaborato al fallito colpo di stato

Il governo turco ha ufficialmente licenziato 928 dipendenti pubblici, sospettati di avere legami con organizzazioni terroristiche e visti come una minaccia dal Consiglio della sicurezza nazionale.

La decisione è stata confermata in un uno dei due nuovi decreti, pubblicati il 25 agosto sulla Gazzetta ufficiale. A 57 dipendenti, licenziati in passato, è stato permesso di ritornare nei loro precedenti ruoli.

Il secondo provvedimento prevede che l’Organizzazione nazionale d’intelligence turca, che prima era sotto la responsabilità del primo ministro, riferisca direttamente al presidente Recep Tayyip Erdogan. Inoltre, i servizi segreti potranno indagare sul ministero della Difesa e sul personale dell’esercito.

Dal fallito colpo di stato del 15 luglio 2016, dove morirono 250 persone, la Turchia vive in uno stato di emergenza, che permette al governo di emanare decreti, sulla base dell’articolo 91 della costituzione.

Da quella data, oltre 140mila persone sono state licenziate, accusate di avere legami con la rete di Fethullah Gulen, che secondo le autorità turche è il responsabile dei fatti di luglio 2016. Più di 50mila cittadini, tra cui molti giornalisti, sono stati arrestati.

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Brasile al voto, resa dei conti tra Lula e Bolsonaro: l’ex sindacalista punta alla vittoria al primo turno
Esteri / Nato in allerta: Mosca pronta a testare il super-siluro che può provocare uno tsunami radioattivo
Esteri / Papa Francesco a Putin: “Fermati, ti supplico. Fallo per amore del tuo popolo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Brasile al voto, resa dei conti tra Lula e Bolsonaro: l’ex sindacalista punta alla vittoria al primo turno
Esteri / Nato in allerta: Mosca pronta a testare il super-siluro che può provocare uno tsunami radioattivo
Esteri / Papa Francesco a Putin: “Fermati, ti supplico. Fallo per amore del tuo popolo”
Esteri / Ucraina, strage di civili a Kharkiv: morti 13 bambini mentre tentavano la fuga con le famiglie
Esteri / Indonesia, scontri dopo una partita di calcio: almeno 180 morti
Esteri / Donbass, schiaffo di Kiev a un giorno dall’annessione: Mosca ammette il ritiro da Lyman
Esteri / Nord Stream: “Esplosi 500 chili di tritolo. Bombe piazzate da robot di manutenzione”
Esteri / Russia, il rapper Walkie si toglie la vita per non andare in guerra
Esteri / Con il nuovo reattore Olkiluoto-3 la Finlandia si aggiudica la centrale nucleare più potente d’Europa
Cronaca / Putin annette le regioni ucraine: “Saranno russe per sempre. Ora disposti a negoziare”