Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Liberia ha abolito per un anno le mutilazioni genitali femminili

Immagine di copertina

Il divieto è temporaneo e non permanente, e non vale per gli adulti consenzienti. Tra un anno il provvedimento sarà ridiscusso

A due giorni dal giuramento come presidente del paese di George Weah, la Liberia ha approvato giovedì 25 gennaio una legge che impone per un anno il divieto alle mutilazioni genitali femminili.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La Liberia ha così infranto momentaneamente quello che può essere considerato un vero e proprio tabù non solo in questo paese, ma anche in molte altre nazioni africane. Tuttavia, salta immediatamente all’occhio la durata solo temporanea della misura, la cui attuazione andrà ridiscussa tra un anno, quando il divieto scadrà.

Per questo motivo, numerosi attivisti liberiani hanno sollecitato l’ex calciatore del Milan e Pallone d’oro ad affrontare il tema con maggiore decisione, introducendo un divieto permanente e non temporaneo.

La misura, infatti, è entrata in vigore non per merito diretto di Weah, ma come effetto di un ordine esecutivo firmato dal presidente uscente Ellen Johnson Sirleaf  poco prima di terminare il suo mandato.

Inoltre, proprio la cerimonia di insediamento di Weah ha oscurato a livello mediatico l’entrata in vigore della legge, che ha avuto poco risalto sui giornali e sulle televisioni liberiane.

Andando nel dettaglio della legge, saranno impedite le mutilazioni genitali femminili sui minori di 18 anni e sugli adulti non consenzienti, mentre la pratica sarà permessa sugli adulti consenzienti.

Secondo gli ultimi dati disponibili, in Liberia circa la metà delle donne ha subito mutilazioni genitali. La giustificazione generalmente data a questa pratica ha a che fare con le tradizioni. La mutilazione genitale è infatti considerata in alcune culture un rito di passaggio per le donne, nonostante in alcuni casi possa portare alla morte di chi la subisce.

L’anno scorso il parlamento liberiano aveva approvato una legge sulla violenza domestica che conteneva alcune limitazioni alle mutilazioni genitali, successivamente rimosse perché considerate troppo ostili alle tradizioni culturali del paese.

Secondo l’ONU le mutilazioni genitali femminili sono attualmente praticate in circa 30 paesi africani, nonostante in molti di essi la pratica sia stata dichiarata illegale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York
Esteri / Formentera, incendio distrugge il superyacht da 25 milioni di euro a pochi metri dalla spiaggia | VIDEO
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York
Esteri / Formentera, incendio distrugge il superyacht da 25 milioni di euro a pochi metri dalla spiaggia | VIDEO
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco
Esteri / Costa Azzurra, ombrelloni e lettini soltanto ai bianchi. Stabilimenti accusati di razzismo
Esteri / Usa, l’attrice Anne Heche è cerebralmente morta, la famiglia: “Staccheremo la spina e doneremo gli organi”
Esteri / Rinasce Notre-Dame: ecco come sarà la cattedrale di Parigi dopo la ricostruzione | VIDEO
Esteri / Onu: L’esercito israeliano ha ucciso 19 bambini palestinesi in meno di una settimana
Esteri / Usa, a casa di Trump l’Fbi cercava documenti su armi nucleari: la rivelazione del Washington Post
Esteri / Nuovo attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia: scambio di accuse tra Kiev e Mosca
Esteri / Giallo a New York: due italiani trovati morti in un albergo