Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La lettera dei militari di Odessa scritta con il sangue: “Subito no fly zone”. Il testo completo

Immagine di copertina

“Istituite una no fly zone e fatelo subito, qui stanno morendo centinaia di persone ogni giorno”. Un drammatico appello rivolto all’Occidente e firmato con il proprio sangue. Lo hanno scritto in una lettera, come riporta l’agenzia Ansa, un gruppo di militari dell’esercito ucraino a Odessa. Il destinatario è la Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu). “La debolezza dei leader degli Stati Uniti e dei paesi dell’Unione Europea costa ogni giorno a militari e civili ucraini centinaia di vite. Ecco perché abbiamo scritto questo appello alla Corte europea dei diritti umani direttamente con il sangue, perché oggi qui fermiamo un’aggressione diretta a voi pagando con le nostre vite”, si legge nella missiva. “L’Ucraina ha bisogno che il cielo sia messo in sicurezza”. Questo il testo completo della lettera.

“Il 24 febbraio i ‘fratelli’ russi hanno attaccato l’Ucraina senza dichiarare guerra e senza alcun avvertimento alle 5 del mattino le truppe della federazione russa bombardarono tutte le maggiori città del nostro Paese. Putin ha attaccato l’Ucraina come i nazisti attaccarono l’unione sovietica, a tradimento. Migliaia di civili sono morti in questo mese di guerra, più di 100 vittime sono bambini piccoli. Più di 10 milioni di Ucraina sono stati costretti ad abbandonare le loro case e a milioni sono diventati rifugiati nei Paesi europei.

Per la Russia l’Ucraina è diventato un poligono di tiro su cui testare sulle persone le loro armi. Dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina i russi hanno sparato 467 missili e condotto 1804 raid aerei sopra le città del nostro Paese. Paura, lacrime, morte, questo è ciò che portano sulla nostra terra coloro che parlavano di amore fraterno per gli ucraini.

Vogliamo che tutto il mondo sappia: la Russia non si fermerà, andrà oltre in Moldova, Polonia e i Paesi baltici, è una minaccia per tutta l’Europa. Oggi l’Ucraina è l’unico argine che resiste, che respinge l’aggressione russa. Nonostante la tragedia che sta già accadendo nel nostro Paese e la minaccia a tutto il mondo civilizzato, la Nato non si affretta a chiudere il cielo sull’Ucraina. La debolezza dei leader degli Usa e dei Paesi Ue costa ogni giorno a militari e civili ucraini centinaia di vite e migliaia di destini interrotti.

Ecco perché i guerrieri delle Forze armate ucraine e anche i rappresentanti dei battaglioni dei volontari hanno scritto questo appello alla Corte europea dei diritti umani direttamente con il loro sangue, perché oggi qui fermiamo un’aggressione diretta a voi pagando con le nostre vite. Ma l’Ucraina ha bisogno del vostro aiuto. Noi abbiamo bisogno di armi pesanti e le città e i villaggi dell’Ucraina hanno bisogno che il cielo sopra di loro sia messo in sicurezza. Dobbiamo fermare insieme l’aggressore. Per dare un futuro prospero ai nostri figli, per le future generazioni, per la pace nel mondo intero”.

Gloria all’Ukraina

Vagapov A. V.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, ospita rifugiata ucraina: lascia moglie e figli e scappa con lei
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Situazione critica nel Donbass. Mosca impedisce l'export del grano". I russi intensificano gli attacchi. Francia: "15-20 anni per Kiev nell'Ue"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, ospita rifugiata ucraina: lascia moglie e figli e scappa con lei
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Situazione critica nel Donbass. Mosca impedisce l'export del grano". I russi intensificano gli attacchi. Francia: "15-20 anni per Kiev nell'Ue"
Esteri / Afghanistan, le giornaliste sfidano i talebani: in tv a viso scoperto
Esteri / Australia, i laburisti vincono le elezioni
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Esteri / Chi sono i tre italiani rapiti in Mali: Rocco Langone, Maria Caivano e il figlio Giovanni
Cultura / In Bielorussia il governo vieta il romanzo “1984” di George Orwell
Esteri / “Putin circondato dai medici, curato anche tra una riunione e l’altra”: le nuove voci sul suo stato di salute
Esteri / Sharm El Sheikh, bimba abruzzese di 13 mesi cade dal balcone e muore