Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le ragazze schiave dell’Isis

Immagine di copertina

Più di 2.500 donne yazide sono state rapite dai militanti dello Stato Islamico. Vengono offerte come mogli-schiave agli jihadisti

Quando lo scorso agosto l’Isis è arrivato alle porte del villaggio di Kocho, nel nord dell’Iraq, Jana era una 19enne yazida all’ultimo anno di liceo che sognava di diventare una dottoressa.

Oggi è una delle 100 ragazze che sono state salvate dalle autorità curde, e ha raccontato alla Cnn la sua esperienza di schiavitù nelle mani dei jihadisti.

L’assalto alla piccola comunità rurale dove viveva Jana mostra il diverso trattamento che lo Stato Islamico riserva a uomini e donne. A tutti gli yazidi è stato richiesto di convertirsi alla fede musulmana, ma subito dopo gli abitanti sono stati divisi in base al sesso.

Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, l’Isis “ha radunato tutti i maschi al di sopra dei 10 anni all’interno della scuola locale, li ha caricati su dei camion e li ha portati fuori dal villaggio, dove sono stati giustiziati”.

Jana e altre ragazze sono state separate dalle donne più anziane. I miliziani le hanno portate a Mosul, una delle roccaforti dello Stato Islamico in Iraq e le hanno tenute imprigionate in una palazzina che alloggiava diverse centinaia di giovani donne yazide.

I soldati dell’Isis arrivavano in continuazione, e si portavano via anche con 3 o 4 ragazze alla volta. Come dichiarato da ex-militanti dell’organizzazione terroristica, le potenziali reclute dello Stato Islamico vengono invogliate ad arruolarsi con la promessa di giovani spose in dono.

“Queste donne vengono trattate come se fossero bestiame”, ha spiegato Nazand Begikhani, una consulente per la parità dei generi presso il governo regionale del Kurdistan. “Sono state soggette a violenze fisiche e sessuali, compresi stupri seriali e schiavitù sessuale. Sono state messe in mostra nei mercati di Mosul e Raqqa, in Siria, con tanto di targhette che ne indicavano il prezzo”.

Tutti possono comprare una ragazza yazida al mercato. Il prezzo varia dagli 800 agli 8mila dollari, a seconda della sua bellezza.

Begikhani è anche una ricercatrice per il Gender and Violence Research Center dell’università di Bristol e stima che l’Isis finora abbia rapito più di 2,500 donne yazide.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli