Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Le mogli dei militari di Azov ospiti da Vespa: “Combattenti della liberazione”

Immagine di copertina

Le mogli dei militari di Azov ospiti da Vespa: “Combattenti della liberazione”

Continuano le polemiche per il tour mediatico delle mogli e delle compagne dei membri del reggimento Azov, il gruppo ultranazionalista che sta combattendo le forze russe a Mariupol, in Ucraina sudorientale. “L’ultima puntata di Porta a Porta (…) si candida a essere una pietra miliare della tv di Stato applicata alla propaganda politica in tempo di guerra”, riporta Il Fatto Quotidiano, nel pezzo di Tommaso Rodano dedicato alla puntata di giovedì scorso della trasmissione condotto da Bruno Vespa, a cui hanno preso parte quattro mogli e fidanzate del gruppo di estrema destra, spesso accompagnato da simboli associati al nazismo, entrato a far parte della guardia nazionale ucraina a novembre 2014. Da allora, è stato accusato in più occasioni di torture, stupri e altre violenze, come riportato da ong e organizzazioni internazionali come Amnesty, Human Rights Watch e l’Osce, prima di diventare uno dei simboli della resistenza ucraina durante l’assedio di Mariupol.

“Resisteranno fino alla fine, per loro è una questione d’onore e sicuramente non si arrenderanno”, ha detto Katerina, moglie di Denis Prokopenko, comandante del reggimento. Alla domanda di Vespa sulle associazioni di Azov al nazismo, Katerina ha bollato le accuse come “propaganda russa”. “Non sono abituata a tutte queste insinuazioni, al fango che gettano i russi. Noi sappiamo che la Russia fa di tutto perchè noi abbandoniamo l’idea di essere un unico popolo, vuole che non amiamo più la nostra terra, che perdiamo la voglia di costruire la mostra vita”, ha aggiunto Katerina, che ha anche tentato un accostamento con il 25 aprile. “Pochi giorni fa in Italia avete festeggiato la festa di Liberazione dal nazismo, adesso c’è il fascismo vivo a Mariupol e deve essere combattuto”, ha detto.

Durante la puntata è anche andato in onda l’appello del marito Denys, rivolto all’intera società italiana. “Lottiamo in difesa della nostra gente e del nostro territorio, ma abbiamo bisogno di assistenza”, ha detto.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Morto Franco Di Mare: la malattia che ha colpito il giornalista
Cronaca / Chi era Sofia Stefani, la vigilessa uccisa ad Anzola
Cronaca / L’ex comandante Giampiero Gualandi fermato per l'omicidio di Sofia Stefani
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Morto Franco Di Mare: la malattia che ha colpito il giornalista
Cronaca / Chi era Sofia Stefani, la vigilessa uccisa ad Anzola
Cronaca / L’ex comandante Giampiero Gualandi fermato per l'omicidio di Sofia Stefani
Cronaca / L’inizio della rissa in discoteca tra Fedez e Iovino ripreso dalle telecamere: un’ora dopo l’aggressione
Cronaca / Così Filippo Turetta ha pianificato la morte di Giulia Cecchettin
Cronaca / “L’Aeroporto di Roma Frosinone e il Futuro del Trasporto Aereo nel Lazio”
Cronaca / Chef Rubio aggredito davanti alla sua abitazione a Roma
Cronaca / Filippo Turetta ha ucciso Giulia Cecchettin con 75 coltellate
Cronaca / A chi fa gola il mega-porto crocieristico di Fiumicino
Cronaca / Accolto il ricorso, Ilaria Salis andrà ai domiciliari a Budapest