Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le donne che combattono l’Isis

Immagine di copertina

Molte erano civili prima della guerra. Oggi hanno sempre un proiettile in tasca per evitare di cadere prigioniere dell'Isis

Si chiama Mayssa Abdo e ha 40 anni, ma sul campo di battaglia tutti la chiamano Narin Afrin. In realtà, nessuno di questi due è il suo vero nome.

È al comando di una milizia armata composta esclusivamente da donne (Ypj), affiliata alle Unità di difesa del popolo curdo (Ypg), che combatte contro l’Isis a Kobane.

Secondo Kadar Sheikhmous, una consulente politica curda, Narin Afrin e le sue compagne hanno “resistito a numerosi attacchi dell’Isis e hanno dimostrato di essere una forza armata competente. Molte brigate in Siria e Iraq non sarebbero riuscite a resistere”, ha dichiarato Sheikhmous all’International Business Times.

“Molte di queste donne erano civili prima della guerra, fra cui diverse studentesse universitarie. Oggi portano sempre un proiettile nelle loro tasche per evitare di cadere prigioniere dell’Isis”.

Kenan Fani Dogan, una rifugiata politica curda, attivista e blogger che oggi vive a Stoccolma, sostiene che “la società curda percepisce da sempre le combattenti donne come simbolo di coraggio e valore”.

“C’è un proverbio curdo che dice: “Şêr şêre çi jine, çi mêre”, che significa “Un leone è un leone, maschio o femmina che sia.”

Qui alcune immagini delle combattenti curde contro lo Stato Islamico

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio