Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La Siria senza armi chimiche

Immagine di copertina

Lunedì l'ultimo carico delle armi chimiche di Assad ha lasciato il Paese

Lunedì il cargo danese “Ark Futura” ha lasciato il porto siriano di Latakia con a bordo l’ultimo carico delle armi chimiche consegnate dal governo di Assad.

Lo ha annunciato in conferenza stampa Ahmet Uzumcu, direttore generale dell’Organizzazione per l’abolizione delle armi chimiche (Opcw). Il diplomatico non ha però reso chiaro quando la nave raggiungerà lo scalo di Gioia Tauro, dove avverrà il trasbordo sull’americana “Cape Ray” delle circa 570 tonnellate di agenti chimici.

Esistono questioni di sicurezza di due ordini dietro la cautela di Uzmucu: il primo di carattere internazionale, il cargo infatti trasporta un carico sensibilissimo e attraversa, a largo, acque altrettanto problematiche (il riferimento va a quelle libiche). La seconda questione riguarda l’Italia: la decisione di effettuare il passaggio dei prodotti petroliferi dal cargo di trasporto alla nave americana che si occuperà della distruzione, aveva suscitato polemiche tra la popolazione. Agire senza troppa pubblicità, permetterà di effettuare le operazioni senza nfiammare di nuovo le proteste.

Quelle caricate lunedì sono le ultime 100 tonnellate (circa l’8 per cento del totale) che Damasco doveva ancora consegnare. Il direttore Uzumcu ha però atteso a diffondere la notizia, per permettere al cargo di lasciare le acque territoriali siriane: ulteriore precauzione di sicurezza.

Gli agenti chimici che saranno trasbordati a Gioia Tauro, sono tutti di priorità 1 (tra cui iprite e precursori sarin). La distruzione ad opera dell’ormai noto sistema a idrolisi Fdhs a bordo della nave governativa statunitense “Cape Ray” avverrà in acque internazionali nel Mediterraneo e durerà circa 60 giorni.

Dopo la tappa nel porto calabrese, la “Ark Futura” proseguirà il suo viaggio verso la Gran Bretagna per consegnare altre 150 tonnellate di agenti chimici di minore priorità, che saranno distrutti sul territorio britannico. Successivamente si dirigerà verso la Finlandia che neutralizzerà materiale di priorità 2 negli impianti industriali dell’Ekokem.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Francia a Israele: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Francia a Israele: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"