Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La primavera di Hong Kong

Immagine di copertina

Cresce la domanda di maggiore democrazia nella regione speciale cinese

Joshua Wong ha 17 anni e non è ancora maggiorenne per la legge cinese. È uno dei leader della manifestazione che si ripete ogni 1 luglio a Hong Kong per chiedere maggiore democrazia e per contestare il ritorno di Hong Kong alla Cina da parte del Regno Unito nel 1997. Quest’anno ha portato in piazza oltre 500.000 persone.

Joshua guida l’importante movimento di protesta Scholarism, che ha contribuito a fondare nel 2011. Quando lo fondò con altri suoi compagni delle superiori, Joshua aveva appena 15 anni: il movimento nacque nel 2011 per contrastare l’implementazione della Moral and national education, il curriculum di studi ufficiale approvato dal governo di Hong Kong.

Joshua ha sostenuto il referendum informale che ha portato 800.000 persone ai seggi per decidere il metodo migliore per selezionare ed eleggere il Chief Executive (una sorta di sindaco-governatore) dell’isola. I risultati del referendum sono stati resi pubblici il 30 giugno, un giorno prima della manifestazione di piazza.

Oggi Scholarism ha spostato il suo focus sulla questione elettorale. Infatti dal 2017 il Chief Executive verrà eletto dalla popolazione, anche se Pechino ha imposto che i candidati siano scelti da un apposito comitato.

In occasione del referendum, alla popolazione è stato chiesto che sistema volessero per selezionare i candidati in maniera democratica. La proposta di Scholarism è arrivata seconda, dietro di appena quattro punti percentuali quella della principale organizzazione democratica.

Il referendum era informale, e quindi privo di valore vincolante per Pechino, ma l’affluenza alle urne ha superato le aspettative e rinforzato tutto il fronte democratico.

I manifestanti hanno eletto come loro inno la versione cantonese della canzone “Do you hear the people sing?” del musical “Les Miserables”. La polizia ha fermato 511 manifestanti e nel resto del Paese i media non hanno dato copertura alla notizia se non parlando di normali celebrazioni per il ritorno di Hong Kong alla Cina. Ancora oggi dopo quasi dodici ore di fermo, 129 manifestanti sono ancora in arresto senza accuse formali.

La nuova generazione rappresentata da attivisti come Joshua è più determinata di quella precedente, riprendendo lo spirito di quella gioventù cinese degli anni Ottanta distrutta dal massacro di piazza Tienanmen.

La loro spinta a fare di più per la democrazia emerge già dalle parole dette da Joshua al New York Times “Se bastasse marciare e protestare ogni anno (il 1 Luglio n.d.r.) si sarebbe arrivati alla democrazia per Hong Kong quando ero ancora alle elementari”. 

Il governo centrale di Pechino continua a stringere la propria morsa sull’isola, cercando di limitare il più possibile queste manifestazioni ma soprattutto non facendo alcuna concessione sul fronte del suffragio universale.

Nel 1999 la speranza fu che Hong Kong potesse cambiare la Cina portando maggiore dibattito pubblico, oggi l’ex colonia britannica deve lottare per non perdere i propri diritti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza