Covid ultime 24h
casi +19.644
deceduti +151
tamponi +177.669
terapie intensive +79

Julian Assange annuncia un milione di documenti sulle elezioni statunitensi

Il fondatore dell'organizzazione che ha diffuso moltissimi documenti riservati di governi e istituzioni lo ha detto celebrando i 10 anni di Wikileaks

Di TPI
Pubblicato il 4 Ott. 2016 alle 16:46 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 22:54
0
Immagine di copertina

Mentre interveniva attraverso un collegamento video a una
conferenza stampa tenutasi a Berlino dedicata al decimo anniversario di
Wikileaks, il suo fondatore Julian Assange ha annunciato che nelle prossime
settimane è prevista una nuova “fuoriuscita” di notizie riservate su diversi
temi scottanti.

Secondo Assange, sarebbero in arrivo “materiali
significativi” su guerra, armi, petrolio, Google, sorveglianza di massa e elezioni
negli Stati Uniti. In particolare quest’ultimo tema ha suscitato non poche
tensioni, visto che è stato specificato che i documenti riguardanti i candidati
alla presidenza saranno oltre un milione e saranno disponibili prima dell’8
novembre, fatidica data delle elezioni statunitensi.

WikiLeaks spera infatti, nelle intenzioni del fondatore, “di
garantire una pubblicazione ogni settimana per le prossime dieci
settimane”. Già tempo fa Assange aveva promesso una “sorpresa in
ottobre”, che doveva apparentemente riguardare la candidata democratica
Hillary Clinton, ma al momento non si hanno notizie più approfondite al
riguardo. Assange ha però specificato che è falsa la notizia secondo cui l’intento
di Wikileaks sia quello di danneggiare Clinton.

Nel frattempo, il leader di Wikileaks continua a vivere da recluso
presso l’ambasciata dell’Ecuador di Londra, visto che il 16 settembre una corte
d’appello svedese ha stabilito che il mandato d’arresto nei suoi confronti per
un’accusa di stupro non sarà annullato.

Questo un fotogramma del video attraverso il quale Assange ha fatto il suo annuncio alla stampa:

(Credit: Reuters)

 

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.