Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 07:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Chi è Jill Biden: la moglie di Joe, possibile nuova first lady degli Stati Uniti

Immagine di copertina

Chi è Jill Biden: la moglie di Joe, possibile nuova first lady degli Stati Uniti

Nella notte tra il 3 il 4 novembre il mondo conoscerà il nuovo presidente degli Stati Uniti: sarà Donald Trump o Joe Biden. In caso di vittoria del secondo alla casa Bianca ci sarà anche una nuova first lady: la signora Jill Biden. Ma chi è? Qual è la sua carriera? Da quanto è sposata con il politico democratico? Di seguito tutte le informazioni sulla possibile first lady.

Chi è

Jill Tracy Jacobs Biden, ex Stevenson e nata Jacobs, (classe 1951) è un’insegnante, scrittrice e filantropa americana. È sposata con Joe Biden, il 47esimo vicepresidente degli Stati Uniti e candidato alla presidenza degli Stati Uniti per il Partito Democratico per le elezioni presidenziali 2020. Con lui ha ricoperto il ruolo di second lady degli Stati Uniti d’America dal 2009 al 2017, venendo potenzialmente candidata per diventare la first lady nel caso in cui il marito dovesse vincere le elezioni.

Jill Biden: i matrimoni

Nel febbraio del 1970, Jill Biden ha sposato il suo primo marito: Bill Stevenson, un ex giocatore di football del college, acquisendo il cognome di lui e divenendo Jill Stevenson. Dopo un paio d’anni, aprirono lo Stone Balloon a Newark, vicino all’Università del Delaware, che in breve tempo divenne uno dei locali universitari più conosciuti dello stato, dove si esibivano famosi artisti musicali. Lei e Stevenson si separarono nel 1974. Conobbe Joe Biden, all’epoca già senatore per il Delaware, nel marzo del 1975, tramite un appuntamento al buio organizzato dal fratello di Joe, Frank, anche se Biden aveva visto una sua fotografia in una pubblicità locale. Sebbene avesse nove anni più di lei, rimase colpita dal suo aspetto e dai modi più formali rispetto agli uomini del college che aveva conosciuto e dopo il loro primo appuntamento disse a sua madre: “Mamma, ho finalmente incontrato un gentiluomo”. Nel frattempo, il divorzio con Stevenson stava procedendo a rilento: il caso in tribunale si concluse senza che lei ottenesse metà della quota dello Stone Ballon e un divorzio civile fu concesso solo nel maggio 1975. Lei e Joe Biden si sono sposati con rito cattolico il 17 giugno 1977, nella Cappella del Palazzo delle Nazioni Unite a New York, quattro anni e mezzo dalla morte della prima moglie di Joe e della loro bambina in un incidente automobilistico; Joe le aveva chiesto di sposarlo diverse volte prima che lei accettasse, poiché era riluttante ad entrare sotto i riflettori pubblici, ansiosa di rimanere concentrata sulla propria carriera ed esitante ad assumersi l’impegno di crescere i suoi due giovani figli sopravvissuti all’incidente. Una volta sposato Joe Biden, Jill è diventata la matrigna dei due figli del primo matrimonio del marito, Beau e Hunter, la cui madre e sorellina morirono in un incidente d’auto nel 1972; Joe e Jill hanno una figlia, Ashley, nata nel 1981.

Carriera

Jill Tracy Jacobs è nata il 3 giugno 1951 ad Hammonton, nel New Jersey, ma ha trascorso la maggior parte della sua infanzia a Willow Grove in Pennsylvania. Suo padre, Donald C. Jacobs (1927–1999), era un cassiere di banca che divenne capo di un’attività di risparmi e prestiti nel quartiere di Chestnut Hill a Filadelfia. Il cognome Jacobs era originariamente Giacoppa e venne anglicizzato dal nonno di Jill. Sua madre, Bonny Jean Jacobs (1930-2008), era una casalinga. Crescere nell’area metropolitana di Filadelfia le ha dato un parziale accento locale e un interesse per le squadre sportive della città. La famiglia non era particolarmente religiosa, ma al primo anno di scuola superiore, Jill ha deciso autonomamente di unirsi alla chiesa presbiteriana. Ha iniziato a lavorare all’età di 15 anni nei locali sulla Jersey Shore come cameriera, mentre frequentava la Upper Moreland High School, dove prediligeva lo studio della lingua inglese, diplomandosi nel 1969. Jill Biden ha conseguito la laurea presso l’Università del Delaware, un master presso la West Chester University e l’Università di Villanova ed un dottorato presso l’Università del Delaware. Ha insegnato inglese nelle scuole superiori per tredici anni e ha tenuto dei corsi ad adolescenti con disabilità emotive in un ospedale psichiatrico. Dal 1993 al 2008 è stata insegnante di inglese presso il Delaware Technical & Community College. Dal 2009 è professoressa di inglese al Northern Virginia Community College ed è la prima donna ad aver svolto un lavoro retribuito mentre il marito ricopriva la carica di vicepresidente degli Stati Uniti. È la fondatrice dell’organizzazione no-profit Biden Breast Health Initiative, co-fondatrice del programma Book Buddies, co-fondatrice della Biden Foundation, attiva nell’associazione Delaware Boots on the Ground ed è co-fondatrice di Joining Forces con Michelle Obama.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Esteri / Marina Usa fa esplodere ordigno da 18mila chili in mare. Lo spettacolare video
Esteri / Francia, la destra moderata vince il primo turno delle regionali. Deludono Le Pen e Macron