Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Quei maledetti rigori

Immagine di copertina

Il 17 luglio 1994 si disputò la finale dei Mondiali di calcio negli Stati Uniti in cui la nazionale italiana venne sconfitta ai calci di rigore dal Brasile

Il 17 luglio 1994 la nazionale di calcio italiana sfidò quella brasiliana nella finale dei Mondiali di calcio degli Stati Uniti. Si trattava del primo mondiale della storia a non svolgersi né in Europa né in Sudamerica.

A sfidarsi furono due nazionali che, in quel momento, avevano entrambe vinto tre Mondiali: detenevano quel primato insieme alla Germania.

La partita si preannunciava una classica.

L’Italia, arrivata in finale dopo un percorso travagliato (aveva superato il girone preliminare venendo ripescata tra le migliori terze), era riuscita a eliminare Nigeria, Spagna e Bulgaria per approdare alla finale.

La nazionale era allenata da Arrigo Sacchi, che negli anni precedenti aveva collezionato diversi prestigiosi trofei con il Milan. A sua disposizione, una squadra molto forte: in porta Gianluca Pagliuca, due centrali di difesa tra i più forti al mondo come Franco Baresi – capitano della nazionale – e Paolo Maldini e davanti un numero 10 d’eccezione come Roberto Baggio.

L’avversario non era certo da sottovalutare: il Brasile, guidato dal mister Carlos Alberto Parreira, che disponeva di una temibile coppia d’attacco formata da Bebeto e Romario. In panchina, un ancora 18enne Ronaldo.

La partita si disputò allo stadio Rose Bowl di Pasadena, in California, con un caldo fuori dalla norma che influenzò lo svolgimento della partita. Per la prima volta nella storia dei Mondiali, dopo i due tempi regolamentari e i due tempi supplementari, le due squadre erano ancora in parità: 0-0. Si sarebbe dovuto proseguire con i calci di rigore.

Va per primo Baresi, il capitano dell’Italia. Alto. Pagliuca rimedia l’errore di Baresi parando il rigore di Marcio Santos. Poi si inizia a segnare, ma Massaro sbaglia. L’Italia ha l’occasione di restare a galla con il suo numero 10 Roberto Baggio che, però, calcia alto. Il Brasile vince i Mondiali.

Quei rigori, che portarono l’Italia a pochi passi dalla vittoria di quel mondiale, sono oggi ricordati da molti come quei maledetti rigori. Ma, in ogni caso, restano una pagina della storia del calcio mondiale.

Dodici anni dopo, nel 2006, l’Italia, ancora una volta ai rigori, avrebbe fatto dimenticare il 1994 battendo la Francia e conquistando il suo quarto titolo.

Il video degli inni nazionali e dei calci di rigore

Ti potrebbe interessare
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Esteri / Ambiente, lavoro, giovani e cannabis legale: la Germania prepara la rivoluzione culturale che investirà l’Europa
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Esteri / Ambiente, lavoro, giovani e cannabis legale: la Germania prepara la rivoluzione culturale che investirà l’Europa
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”
Esteri / Copenaghen, 31 persone trascorrono la notte nel negozio Ikea isolato dalla neve
Esteri / Un quiz per scoprire quanto ne sai sull’Hiv (e smontare le false credenze)
Esteri / India, i bambini muoiono per lo smog. Un decesso su dieci sotto i cinque anni è per l’inquinamento
Esteri / Dalla Francia a Israele: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale