Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:47
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Israele, niente visto per chi chiede il boicottaggio degli insediamenti

Immagine di copertina

Una proposta di legge vuole negare visti e permessi di soggiorno agli stranieri che propugnano il boicottaggio di Israele e degli insediamenti

La commissione interni del parlamento israeliano ha approvato mercoledì 10 gennaio 2017 una proposta di legge che vieterebbe l’ingresso nel paese ai cittadini stranieri che propugnano il boicottaggio di Israele o degli insediamenti.

Agli attivisti stranieri che fanno campagna deliberatamente e pubblicamente per il boicottaggio e ai rappresentanti delle organizzazioni che fanno altrettanto sarebbero dunque negati i visti d’ingresso e i permessi di soggiorno.

La bozza prevede anche la possibilità di intentare una causa civile contro i fautori del boicottaggio di Israele e degli insediamenti.

Il ministero dell’Interno avrebbe la facoltà di annullare il divieto caso per caso.

I membri del comitato hanno invece respinto una proposta da parte del ministero della Giustizia di prevedere una deroga alla norma, per ragioni di ricongiungimento familiare e altre, nel caso di palestinesi in possesso di permessi d’ingresso temporanei che risiedono in Israele.

Tra i deputati della Knesset le opinioni circa la proposta di legge sono diverse.

Il quotidiano israeliano Haaretz riporta il commento del presidente della commissione David Amsalem, che vive nell’insediamento di Ma’ale Adumim: “Perché dovrei invitare a casa mia una persona che diffama e danneggia lo stato? Non siamo preoccupati dalle critiche, ma abbiamo il nostro onore nazionale”. 

La parlamentare Tamar Zandberg, esponente di sinistra, ha invece dichiarato: “Questa è una legge per legalizzare la censura contro gli oppositori dell’occupazione”.

Secondo Yael German, appartenente a una formazione politica centrista: “Questo progetto di legge non farà altro che gettare benzina sul fuoco e coloro che ci odiano potranno dire che vogliamo opprimere e mettere a tacere le persone”.

— LEGGI ANCHE: Dentro gli insediamenti israeliani in Cisgiordania

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Ti potrebbe interessare
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione