Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

A Falluja l’Isis distribuisce cibo alle famiglie affamate in cambio di reclute

Immagine di copertina

L'Onu si è detto preoccupato per le segnalazioni di abusi durante i controlli di sicurezza da parte delle milizie in sostegno dell'esercito iracheno

I civili in fuga da Falluja, mentre le forze governative e le milizie loro alleate proseguono l’offensiva contro l’Isis, hanno riferito che il gruppo estremista sta usando il cibo per costringere gli abitanti della città a combattere.

I miliziani hanno preso il controllo delle provviste e offrono cibo alle famiglie di coloro che accettano di essere reclutati, ha riferito una sfollata di 23 anni proveniente dalla periferia nordorientale di Falluja.

“Ce ne siamo andati perché non c’era più cibo né legna da ardere e i bombardamenti erano sempre più vicini alla nostra casa”, ha riferito Hanaa Mahdi Fayadh, aggiungendo che nei negozi non sono rimasti che datteri stantii.

Fayadh è fuggita insieme a parenti e vicini quattro giorni dopo che è cominciata l’offensiva dell’esercito iracheno contro la roccaforte in mano all’Isis dal gennaio 2014, passando attraverso i campi e sventolando bandiere bianche.

La maggior parte degli sfollati sono donne e bambini perché l’esercito ferma uomini e ragazzi per controlli di sicurezza.

Ma le Nazioni Unite hanno espresso forte preoccupazione dopo aver ricevuto rapporti “credibili e molto angoscianti” di uomini e ragazzi sottoposti ad abusi da parte delle milizie sciite che sostengono l’offensiva dell’esercito iracheno.

“Testimoni oculari hanno descritto come alcuni gruppi armati che operano a sostegno delle forze di sicurezza irachene fermano i civili di sesso maschile per controlli di sicurezza che in alcuni casi degenerano in violenze fisiche e altre forme di abusi, per estorcere confessioni”, ha dichiarato il direttore della sezione diritti umani dell’Onu Zied Ra’ad Hussein.

Zeid ha invitato le autorità irachene a verificare con urgenza queste informazioni e a impegnarsi a proteggere i civili in fuga da Falluja.

L’Unhcr aveva riferito a fine maggio che i miliziani dell’Isis usano i civili come scudi umani.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi