Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Iran, rilasciata la petroliera britannica Stena Impero

Immagine di copertina
La Stena Impero

Sequestrata a luglio. Teheran: "Procedure burocratiche completate"

Iran rilascia la petroliera britannica Stena Impero

L’Iran rilascia la petroliera britannica Stena Impero, sequestrata dai Pasdaran a luglio. È “libera di muoversi” e quindi di lasciare l’Iran, ha fatto sapere il portavoce del governo di Teheran, Ali Rabiei, spiegando che le procedure legali e burocratiche relative al suo rilascio sono state completate.

La petroliera è adesso in attesa di lasciare la Repubblica Islamica, hanno riferito le autorità portuali di Hormozgan, per dirigersi verso “acque internazionali”.

Il sequestro della petroliera britannica era avvenuto nel corso di un botta e risposta che aveva visto, all’inizio dello stesso mese di luglio, anche il sequestro di una petroliera di Teheran nello Stretto di Gibilterra. La petroliera iraniana, sospettata di violare l’embargo petrolifero verso la Siria, era stata a sua volta rilasciata il 18 agosto scorso.

Il presidente iraniano Hassan Rohani, nel frattempo, è partito questa mattina, 23 settembre, per New York, dove parteciperà all’Assemblea generale dell’Onu. La sua intenzione è quella di presentare il piano di pace per la regione, definito “Coalizione per la speranza”. Lo riferisce l’Irna, citando l’ufficio per la comunicazione presidenziale di Teheran.

Il capo del governo della Repubblica islamica incontrerà anche diversi leader mondiali, mentre resta escluso al momento un faccia a faccia con il presidente americano Donald Trump. Per Rohani sono anche previsti incontri con i media internazionali e una conferenza stampa al termine del summit. Il suo ritorno in patria è atteso giovedì sera.

“Per noi è essenziale partecipare all’Assemblea generale dell’Onu e avere colloqui a vari livelli. Le crudeli azioni compiute contro la nazione iraniana e le complicate questioni che la nostra regione si trova di fronte devono essere spiegate ai popoli e ai Paesi del mondo”, ha detto Rohani. A New York troverà ad attenderlo il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif, che era già partito venerdì scorso.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio
Esteri / Dalla Germania alla Cina: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Corea del Nord: condannato a morte per aver importato una copia di Squid Game
Esteri / Le storie dei lavoratori che sfidano Amazon nel giorno del Black Friday
Cronaca / Sudafrica, rilevata nuova variante Covid-19: “Minaccia grave”