Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Iran, petroliera in fiamme a largo della costa saudita: “Colpita da un missile”

Immagine di copertina

L'esplosione arriva dopo che gli Stati Uniti hanno affermato che nei mesi scorsi l'Iran ha attaccato diverse petroliere vicino allo stretto di Hormuz, alla foce del Golfo Persico. Teheran nega

Iran, petroliera in fiamme a largo della costa saudita

In Iran una petroliera è in fiamme al largo della costa dell’Arabia Saudita dopo essere stata colpita venerdì 11 ottobre. Lo riferiscono l’agenzia di stato ed altri media iraniani.

La compagnia petrolifera nazionale sostiene che “la petroliera in fiamme è stata colpita da un missile”.

La petroliera iraniana, che appartiene alla compagnia petrolifera nazionale, si trova a 120 chilometri al largo di Gedda. Secondo l’agenzia statale Isna, l’incendio è stato provocato da un’esplosione. “Si tratta di un attacco terroristico”, riferiscono fonti anonime all’agenzia. Al momento non è chiaro quale sia l’entità del danno, l’Isna parla di una perdita di petrolio nel Mar Rosso.

L’agenzia di stampa Nour, che si trova vicino al Corpo di Guardia della Rivoluzione iraniana, ha detto che l’equipaggio era al sicuro e ha dato il nome di nave colpita come “Sanitized”.

L’esplosione segnalata arriva dopo che gli Stati Uniti hanno affermato che nei mesi scorsi l’Iran ha attaccato diverse petroliere vicino allo stretto di Hormuz, alla foce del Golfo Persico. Teheran nega.

La tensione nello stretto di Hormuz

Venti di guerra hanno ripreso a spirare nel Golfo di Oman e in particolare nella zona dello stretto di Hormuz, da sempre terreno di scontro tra Iran, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Stati Uniti.

A far salire la tensione il 13 giugno è stato un attacco sferrato contro due petroliere, la Front Altair, battente bandiera delle Isole Marshall, noleggiata dalla compagnia petrolifera statale di Taiwan e appartenente alla norvegese Frontline, e la Kokuka, battente bandiera di Panama.

Tra i nemici regionali Iran e Arabia Saudita, invece, le tensioni derivano dall’attacco ai due impianti petroliferi il 14 settembre scorso che hanno provocato incendi e danni e la chiusura di 5,7 milioni di barili al giorno (bpd) di produzione – oltre il 5 per cento del petrolio globale fornitura.

Il prezzo del petrolio schizza dopo l’incendio

In netto aumento le quotazioni del petrolio dopo l’incendio della petroliera iraniana al largo dell’Arabia saudita. I contratti sul greggio Wti con scadenza a novembre guadagnano 74 centesimi a 54,2 dollari l’oncia. Il Brent aumenta di 93 centesimi a 60,03 dollari l’oncia.

Leggi anche:

> Perché lo stretto di Hormuz è così importante e chi vuole scatenare una guerra
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Putin vuole far uccidere Lukashenko”: l’ipotesi del complotto per trascinare la Bielorussia in guerra
Esteri / La chef stellata: “Chi prenota al ristorante e non si presenta paga 75 euro di penale”
Esteri / Migranti, ancora tensioni Francia-Italia: “Roma apra i suoi porti alle Ong, altrimenti niente ricollocamenti”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Putin vuole far uccidere Lukashenko”: l’ipotesi del complotto per trascinare la Bielorussia in guerra
Esteri / La chef stellata: “Chi prenota al ristorante e non si presenta paga 75 euro di penale”
Esteri / Migranti, ancora tensioni Francia-Italia: “Roma apra i suoi porti alle Ong, altrimenti niente ricollocamenti”
Esteri / Putin alle madri dei soldati russi: “I vostri figli sono eroi”
Esteri / “Tentò di violentarmi in un camerino”: giornalista americana denuncia Trump per violenza sessuale e diffamazione
Esteri / Criticava il regime sui social, arrestato in Iran l’ex star della nazionale Voria Ghafouri
Calcio / Così il Qatar si è “comprato” i Mondiali per spacciarsi come Paese aperto e moderno
Esteri / Esclusivo TPI – Mondiali Insanguinati: ecco le condizioni disumane di lavoro degli operai che hanno costruito gli stadi in Qatar
Esteri / Armi, gas e militari: così l'Italia si inchina all'emiro del Qatar
Esteri / Usa, genitori 24enni partono per New York e lasciano il figlio di 2 anni a casa da solo