Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’Iran libera 4 prigionieri, tra cui il giornalista del Washington Post

Immagine di copertina

A poche ore dall'attuazione dell'accordo sul nucleare, Teheran approva uno scambio di prigionieri con gli Stati Uniti

L’Iran ha annunciato sabato 16 gennaio 2016 di aver rilasciato quattro cittadini dalla doppia nazionalità – iraniana e americana – come parte di uno scambio di prigionieri con gli Stati Uniti. Lo ha annunciato il procuratore di Teheran, Abbas Jafari Dolatabadi all’agenzia di stampa governativa Irna.

Fra i quattro prigionieri rilasciati c’è anche il reporter del Washington Post Jason Rezaian, detenuto in Iran da più di un anno

“Sulla base delle recenti decisioni prese dal Consiglio di sicurezza nazionale e anche in base a interessi nazionali del nostro sistema di governo, quattro  cittadini dalla doppia nazionalità detenuti sono stati liberati oggi”, ha detto il funzionario giudiziario di Abbas Jafari Dowlatabadi, secondo l’agenzia di stampa Mehr. 

L’annuncio del rilascio da parte delle autorità giudiziarie iraniane arriva nello stesso giorno in cui dovrebbe entrare in vigore l’attuazione dello storico accordo sul nucleare con i leader occidentali. 

La liberazione dei quattro detenuti s’inserisce nel quadro di un interscambio di prigionieri con gli Stati Uniti, come ha specificato il funzionario giudiziario iraniano, parlando in una conferenza stampa. 

Il giornalista del Washington Post rilasciato dalle autorità iraniane era stato arrestato nella sua casa a Teheran nel luglio del 2014, insieme alla moglie Yeganeh Salehi, anche lei giornalista, e due amici anche loro iraniano-americani.

La coppia di amici era stata rilasciata poco dopo l’arresto, mentre Salehi era stata rilasciata su cauzione nel mese di ottobre e sottoposta a un processo separato rispetto a quello del marito. 

Jason Rezaian è stato sottoposto a processo nel mese di maggio 2014, con l’accusa di spionaggio, raccolta di informazioni riservate e azioni di propaganda contro la Repubblica Islamica. Ha trascorso gran parte della sua detenzione in isolamento e non gli sono stati concessi frequenti contatti con i suoi avvocati e con i familiari.

— LEGGI ANCHE: Cosa prevede lo storico accordo sul nucleare 

— DOPO L’ACCORDO SUL NUCLEARE, TUTTI FANNO A GARA PER IL PETROLIO IRANIANO Con l’allentamento delle sanzioni verso l’Iran, c’è in ballo un tesoro da 800 miliardi di dollari. In prima fila il colosso russo del petrolio Lukoil

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ucraina, Onu: “I negoziati per fermare la guerra sono ancora lontani”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia schiera missili ipersonici a Kaliningrad
Esteri / Siccità in tutto il mondo: piogge artificiali e razionamenti non bastano
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ucraina, Onu: “I negoziati per fermare la guerra sono ancora lontani”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia schiera missili ipersonici a Kaliningrad
Esteri / Siccità in tutto il mondo: piogge artificiali e razionamenti non bastano
Esteri / Nuova Zelanda, comprano valigie all’asta e trovano i resti di due bambini
Esteri / Sanna Marin scatenata ad un party: la premier finlandese travolta dalle polemiche
Esteri / L'esercito israeliano chiude sei Ong palestinesi etichettate come terroriste: "Attacco alla libertà"
Esteri / La Germania sta finendo il gas e i costi ricadono sui consumatori
Esteri / Kabul, forte esplosione in una moschea: almeno tre morti e decine di feriti
Esteri / Usa, spara nell’appartamento della vicina perché infastidita dal pianoforte: arrestata infermiera
Esteri / La Cina invierà truppe in Russia per esercitazioni militari congiunte