Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:23
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’Iran libera 4 prigionieri, tra cui il giornalista del Washington Post

Immagine di copertina

A poche ore dall'attuazione dell'accordo sul nucleare, Teheran approva uno scambio di prigionieri con gli Stati Uniti

L’Iran ha annunciato sabato 16 gennaio 2016 di aver rilasciato quattro cittadini dalla doppia nazionalità – iraniana e americana – come parte di uno scambio di prigionieri con gli Stati Uniti. Lo ha annunciato il procuratore di Teheran, Abbas Jafari Dolatabadi all’agenzia di stampa governativa Irna.

Fra i quattro prigionieri rilasciati c’è anche il reporter del Washington Post Jason Rezaian, detenuto in Iran da più di un anno

“Sulla base delle recenti decisioni prese dal Consiglio di sicurezza nazionale e anche in base a interessi nazionali del nostro sistema di governo, quattro  cittadini dalla doppia nazionalità detenuti sono stati liberati oggi”, ha detto il funzionario giudiziario di Abbas Jafari Dowlatabadi, secondo l’agenzia di stampa Mehr. 

L’annuncio del rilascio da parte delle autorità giudiziarie iraniane arriva nello stesso giorno in cui dovrebbe entrare in vigore l’attuazione dello storico accordo sul nucleare con i leader occidentali. 

La liberazione dei quattro detenuti s’inserisce nel quadro di un interscambio di prigionieri con gli Stati Uniti, come ha specificato il funzionario giudiziario iraniano, parlando in una conferenza stampa. 

Il giornalista del Washington Post rilasciato dalle autorità iraniane era stato arrestato nella sua casa a Teheran nel luglio del 2014, insieme alla moglie Yeganeh Salehi, anche lei giornalista, e due amici anche loro iraniano-americani.

La coppia di amici era stata rilasciata poco dopo l’arresto, mentre Salehi era stata rilasciata su cauzione nel mese di ottobre e sottoposta a un processo separato rispetto a quello del marito. 

Jason Rezaian è stato sottoposto a processo nel mese di maggio 2014, con l’accusa di spionaggio, raccolta di informazioni riservate e azioni di propaganda contro la Repubblica Islamica. Ha trascorso gran parte della sua detenzione in isolamento e non gli sono stati concessi frequenti contatti con i suoi avvocati e con i familiari.

— LEGGI ANCHE: Cosa prevede lo storico accordo sul nucleare 

— DOPO L’ACCORDO SUL NUCLEARE, TUTTI FANNO A GARA PER IL PETROLIO IRANIANO Con l’allentamento delle sanzioni verso l’Iran, c’è in ballo un tesoro da 800 miliardi di dollari. In prima fila il colosso russo del petrolio Lukoil

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Esteri / Usa, la sfida dei vescovi cattolici: approvato documento per vietare la comunione a Biden
Esteri / Iran, vince al primo turno l'ultraconservatore Ebrahim Raisi
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Esteri / Usa, la sfida dei vescovi cattolici: approvato documento per vietare la comunione a Biden
Esteri / Iran, vince al primo turno l'ultraconservatore Ebrahim Raisi
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa
Esteri / Israele presta ai palestinesi oltre un milione di vaccini Pfizer in scadenza
Esteri / Schiavitù infantile, Corte Suprema Usa blocca causa contro i giganti del cioccolato