Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il Regno Unito ha condotto i primi raid aerei in Siria

Immagine di copertina

Subito dopo l'approvazione da parte del parlamento dei bombardamenti contro l’Isis in Siria, i primi quattro aerei da guerra Tornado sono decollati da Cipro

Nella notte tra il 2 e il 3 dicembre, il Regno Unito ha condotto i primi raid aerei in Siria contro l’Isis. I bombardamenti sono stati compiuti a poche ore dal voto dei parlamentari per autorizzare l’azione militare nel Paese.

Quattro aerei da guerra Tornado della Raf, l’aeronautica militare britannica, sono stati visti decollare dalla base di Akrotiri a Cipro. 

Il ministro della Difesa britannico ha successivamente confermato che erano state condotte le prime operazioni di offensiva contro il sedicente Stato islamico e che sono stati compiuti i primi bombardamenti con “esito positivo”.

L’equipaggiamento dei jet della Raf comprende una vasta gamma di munizioni, tra cui le bombe guidate Paveway IV e i missili da precisione guidati Brimstone. 

Secondo quanto riportato dalla Bbc, gli obiettivi colpiti questa notte dai jet della Raf erano sei ed erano situati in nell’area petrolifera di Omar, che è sotto il controllo dell’Isis nella Siria orientale.

Il segretario della Difesa britannico Michael Fallon ha dichiarato che con i raid aerei è stato inferto un “vero colpo” ai finanziamenti del sedicente Stato islamico. Fallon ha anche aggiunto che ha personalmente approvato quegli obiettivi prima della votazione che si è tenuta nella sera di mercoledì 2 dicembre al parlamento britannico, dando il permesso definitivo solo in seguito a essa.

Il Regno Unito stava già effettuando dei raid aerei in Iraq, e con la votazione di mercoledì 2 il parlamento ha approvato l’estensione dei bombardamenti contro gli obiettivi dell’Isis anche alla Siria. La votazione si è conclusa con 397 voti a favore, mentre i parlamentari che hanno votato contro sono stati 223. La maggioranza assoluta è stata superata di 174 voti.

(Un grafico del quotidiano britannico Guardian che mostra quanti sono stati i voti favorevoli e contrari e come hanno votato il partito laburista e quello conservatore.)

Secondo Fallon, l’azione militare contro l’Isis non sarà qualcosa di veloce e potrebbe continuare per anni. “Tutti e quattro i jet Tornado sono tornati con successo alla base e ripartiranno nella mattinata per valutare i danni effettivi che hanno procurato”, ha dichiarato il segretario della Difesa, aggiungendo che si trattava di un’area petrolifera nell’est della Siria, molto lontana da Raqqa e vicina all’Iraq. 

“È il perfetto esempio di un obiettivo che è letteralmente dall’altra parte del confine (tra Siria e Iraq) e che precedentemente non sarebbe potuto essere attaccato”, ha affermato Fallon. Secondo il segretario, il Regno Unito si limiterà a compiere raid aerei e non invierà forze speciali sul campo, come suggerito invece dall’ex segretario degli Esteri Lord Hague.

La votazione di mercoledì 2 dicembre che ha autorizzato le azioni militari britanniche contro l’Isis in Siria si è tenuta in seguito a un dibattito parlamentare durato l’intera giornata.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, forte terremoto a Creta: almeno un morto e nove feriti
Esteri / Svizzera, vincono i sì al referendum sui matrimoni gay: favorevoli quasi due terzi degli elettori
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, forte terremoto a Creta: almeno un morto e nove feriti
Esteri / Svizzera, vincono i sì al referendum sui matrimoni gay: favorevoli quasi due terzi degli elettori
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Esteri / Elezioni Germania, crolla la Cdu. Spd avanti: per governare serve l'accordo con Verdi e Liberali
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”