Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:12
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Inizia l’evacuazione della città siriana di Daraya sotto assedio da quattro anni

Immagine di copertina

È stato raggiunto un accordo tra il governo del presidente Bashar al-Assad e i ribelli: almeno 4mila i civili che saranno evacuati verso campi gestiti dal governo

Venerdì 26 agosto, il governo siriano e i ribelli hanno raggiunto un accordo per togliere l’assedio sulla città siriana di Daraya. Più di 4mila abitanti della cittadina a soli 7 chilometri dalla capitale Damasco potranno spostarsi nei campi allestiti dal governo, mentre 700 combattenti ribelli potranno lasciare i quartieri sotto assedio, per recarsi nella città di Idlib. Lo hanno reso noto i media di stato siriani. 

Gli abitanti di Daraya sono rimasti intrappolati dai bombardamenti per quattro anni, a partire dal 2012, e hanno ricevuto i primi aiuti soltanto lo scorso giugno. Intanto, i veicoli della Mezzaluna siriana, una sorte Croce Rossa, sono pronti per entrare in città al fine di fornire aiuti e sostegno alla popolazione sotto costanti bombardamenti e a corto di rifornimenti alimentari ed energia elettrica. 

Le ambulanze e i carichi di aiuti umanitari sono in stand-by pronti per iniziare l’evacuazione della città, in attesa del via libera come concordato fra le due parti. 

La città siriana di Daraya si trova in una posizione strategica, in quanto situata a una manciata di chilometri da Damasco e dall’aeroporto militare di Mazzeh.

Daraya, inoltre,è stata protagonista delle prime proteste contro il governo siriano, una rivolta poi trasformatasi in un conflitto civile in piena regola. “Siamo costretti a lasciare la città. ma la nostra condizione è peggiorata al punto da divenire insopportabile”, ha raccontato un attivista locale all’agenzia di stampa AP. “Abbiamo resistito per quattro anni, ma non riusciamo a sopravviverci più a lungo”. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"