Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Dieci milioni di persone rimaste senz’acqua a Nuova Delhi

Immagine di copertina

Manifestanti della casta Jat hanno attaccato gli impianti idrici che forniscono l'acqua agli oltre 20 milioni di abitanti a Delhi, provocando danni e scontri: 16 morti

Dieci milioni di persone di Nuova Delhi sono rimaste senz’acqua a causa dei danni provocati da manifestanti della casta rurale Jat agli impianti idrici che forniscono l’acqua alla metropoli di oltre 20 milioni di abitanti.

L’esercito indiano è intervenuto per riprendere il controllo del canale idrico e per sedare le proteste dei manifestanti della casta, che chiedono al governo l’accesso ai posti di lavoro riservati alle caste più svantaggiate.

Centinaia di taniche d’acqua sono state distribuite ai cittadini, ma le scuole sono rimaste chiuse. Ci vorranno almeno tre o quattro giorni per riportare la situazione alla normalità. 

Durante le proteste sedici persone sono rimaste uccise e centinaia ferite. L’esercito ha aperto il fuoco sui manifestanti nei distretti di Rohtak e Jhajjar. 

Le violenze hanno costretto alla chiusura di strade e autostrade e hanno paralizzato il sistema ferroviario nel nord del paese. 

La casta di Jat è formata da proprietari terrieri relativamente benestanti ed è tradizionalmente considerata come una casta superiore, ma i manifestanti chiedono di essere inclusi nel piano di distribuzione dei posti di lavoro riservati alle caste inferiori. 

Vivono principalmente in Haryana e in altri sette stati del nord dell’India. Sono una comunità politicamente influente.  

Nel marzo 2014 il governo nazionale aveva annunciato l’intenzione di riqualificare la casta Jat come una classe inferiore, inserendola nelle Other Backward Class (Obc) che riuniscono le caste svantaggiate, dando loro l’opportunità di usufruire delle quote di lavoro messe a disposizione dal governo. 

Ma nel 2015 la Corte suprema indiana si rifiutò di “declassare” i Jat, impedendo loro di accedere agli ausili governativi. 

Il governo di Haryana ha annunciato di voler presentare una proposta di legge per accogliere le richieste della casta Jat. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni