Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Donald Trump ha incontrato alla Casa Bianca il presidente dell’Egitto al-Sisi: “Stai facendo un ottimo lavoro”

Immagine di copertina
Credit: Ron Sachs

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ricevuto oggi, martedì 9 aprile 2019, il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi alla Casa Bianca.

I due capi di Stato hanno discusso del rafforzamento della collaborazione strategica tra i due paesi in ambito militare, economico e dell’antiterrorismo.

“I due leader discuteranno anche gli sviluppi e le priorità condivise nella regione, inclusi migliorare l’integrazione economica regionale e affrontare i conflitti perduranti, e il ruolo di lungo corso dell’Egitto come cardine della sicurezza regionale”, ha fatto sapere la Casa Bianca. 

Nel corso dell’incontro, secondo quanto riferito dall’emittente televisiva Sky News Arabia Channel il presidente americano ha detto al suo omologo egiziano: “Penso che stai facendo un ottimo lavoro”.

Egitto, scarcerato dopo 5 anni il fotografo Mahmoud Abu Zeid: aveva documentato la resistenza ad Al-Sisi

“I legami egiziano-americani non sono mai stati così buoni”, ha detto anche Trump, spiegando che al centro dei colloqui c’è la cooperazione militare e commerciale, nonché la situazione in Medio Oriente, le misure di sicurezza e i risultati del programma di riforme economiche intraprese dal Cairo. “L’Egitto – ha aggiunto Trump – ha compiuto grandi progressi nella sua guerra contro il terrorismo”.

Al Sisi, invece, ha affermato che Trump “ha elevato i rapporti bilaterali ad un livello superiore” e ha sottolineato che l’Egitto è determinato a rafforzare la cooperazione con gli Stati Uniti in tutti i campi: dalla politica agli investimenti, dalla cultura al piano militare.

Nelle scorse ore Al Sisi ha già incontrato il segretario di Stato Mike Pompeo e Jared Kushner, consigliere speciale di Trump e ideatore dell’iniziativa di pace con cui Washington ha intenzione di sbloccare lo stallo nel conflitto tra israeliani e palestinesi.

Secondo Amnesty International, l’anno scorso sono state arrestate almeno 113 persone per aver “espresso pacificamente la propria opinione” in Egitto, paese definito “più pericoloso che mai” dall’ong.

Nel 2013 il generale e attuale presidente al-Sisi ha deposto con un colpo di stato l’allora capo di stato Mohammed Morsi, esponente della Fratellanza Musulmana. Al-Sisi è stato rieletto per un secondo mandato con il 97,08 per cento dei voti a marzo 2018. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi