Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il generale Haftar e il primo ministro libico al-Sarraj si incontreranno a Parigi

Immagine di copertina

I due si sono già incontrati a maggio ad Abu Dhabi per negoziare la fine dei combattimenti tra le diverse fazioni in Libia

Il generale libico Khalifa Haftar, uomo forte del governo che controlla la Cirenaica, in Libia orientale, e Fayez al-Sarraj, a capo del governo internazionalmente riconosciuto di Tripoli, si incontreranno a Parigi con il presidente francese Emmanuel Macron il prossimo 25 luglio. A riferirlo l’agenzia di stampa Reuters, che cita il quotidiano locale al-Hayat.

I due politici libici sono stati protagonisti dei colloqui tenuti ad Abu Dhabi nel mese di maggio. I negoziati sono stati fortemente voluti dalla comunità internazionale, nella speranza che finiscano i combattimenti tra le varie fazioni in Libia. La guerra civile infuria infatti nel paese dal 2014, quando due distinti governi, uno a Tripoli e uno a Tobruk, rivendicarono la legittimità della propria amministrazione.

I funzionari dell’Esercito nazionale libico che fa capo al generale Haftar e il governo di al-Sarraj non hanno al momento confermato l’incontro. Il ministero degli esteri della Francia e l’ufficio del presidente Macron hanno dichiarato di non avere alcuna informazione in merito.

Il canale 218 di Amman ha affermato, secondo le loro fonti, che Haftar e al-Sarraj si riuniranno a Parigi su un invito di Macron per completare i passi intrapresi durante la riunione di Abu Dhabi.

Secondo le stesse fonti, Haftar si recherà a Parigi il 25 o il 26 luglio. Il presidente Macron, in un’intervista al quotidiano Ouest-Franceaveva dichiarato che Parigi stava preparando iniziative diplomatiche concrete sulla Libia nelle prossime settimane.

L’incontro arriva a pochi giorni dalle nuove conquiste militari del generale Haftar ottenute grazie al sostegno dell’Egitto e degli Emirati Arabi Uniti. Secondo i diplomatici occidentali e del Medio Oriente, non ci sarà pace nel paese nord-africano senza un coinvolgimento del militare che aveva servito sotto il precedente regime di Muammar Gheddafi.

Le potenze regionali sono coinvolte nel conflitto, appoggiando le diverse parti impegnate sul campo. Come detto, l’Egitto e gli Emirati Arabi Uniti appoggiano il governo di Tobruk, di cui il generale Haftar rappresenta il braccio militare.

Al-Sarraj è invece sostenuto liberamente da numerose milizie nell’ovest del paese, compresi alcuni gruppi islamisti sostenuti dalla Turchia e dal Qatar.

– LEGGI ANCHEI figli dei combattenti dell’Isis si sono riuniti alle proprie famiglie in Libia

Il figlio di Gheddafi è stato liberato in Libia

Ti potrebbe interessare
Esteri / Canada, scoperta una nuova fossa comune di bambini indigeni: resti di 761 persone
Costume / Lettonia, sosia dei Maneskin nella pubblicità della mozzarella e della pizza
Esteri / Scienziato Usa trova prime sequenze del virus: "Cancellate su richiesta dei cinesi"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Canada, scoperta una nuova fossa comune di bambini indigeni: resti di 761 persone
Costume / Lettonia, sosia dei Maneskin nella pubblicità della mozzarella e della pizza
Esteri / Scienziato Usa trova prime sequenze del virus: "Cancellate su richiesta dei cinesi"
Esteri / Orban: "La nostra legge non è contro i gay ma sulle famiglie, non la ritiriamo"
Esteri / Miami, crolla palazzo di 12 piani in zona residenziale: “Si temono molte vittime”
Esteri / Morto in carcere il “papà” del primo antivirus per computer
Esteri / Un web designer ha chiamato suo figlio HTML
Esteri / Così il dittatore torna “utile”: l’Ue offre 3,5 miliardi alla Turchia di Erdogan per bloccare i migranti
Esteri / Britney Spears: “Basta tutela paterna, rivoglio la mia vita”. E porta in tribunale la famiglia
Esteri / Scuole bombardate e senza corrente elettrica: a Gaza iniziano gli esami di maturità