Coronavirus:
positivi 43.691
deceduti 33.340
guariti 155.633

In Siria gli aiuti umanitari raggiungeranno le zone assediate

Lo ha annunciato l'inviato speciale delle Nazioni Unite Staffan de Mistura

Di TPI
Pubblicato il 17 Feb. 2016 alle 09:06 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 18:13
0
Immagine di copertina

I convogli di aiuti umanitari potranno raggiungere le zone sotto assedio in Siria. Lo ha annunciato l’inviato speciale per la Siria delle Nazioni Unite, Staffan de Mistura. Tra le prime città a ricevere gli aiuti c’è quella di Madaya, dove la gente sta morendo di fame.

Le maggiori potenze mondiali riunite a Monaco di Baviera la settimana scorsa hanno stabilito un cessate il fuoco per accelerare la fine delle ostilità e permettere l’arrivo di convogli umanitari. 

Gli aiuti arriveranno anche a Deir el-Zour, una città orientale nelle mani del sedicente Stato islamico, a Foah and Kefraya, nella provincia settentrionale di Idlib, sotto assedio dei ribelli, a Muadhamiya, Kafr Batna e Zabadani, nell’area di Damasco, assediata dalle forze governative.

“È dovere del governo siriano aiutare ogni persona ovunque si trovi e permettere alle Nazioni Unite di portare aiuti umanitari”, ha detto de Mistura dopo i colloqui a Damasco che si sono tenuti il 16 febbraio.

Il governo siriano del presidente Bashar al-Assad ha approvato l’accesso umanitario alle sette aree sotto assedio, che interessano quasi mezzo milione di persone, secondo i dati delle Nazioni Unite.

La cessazione delle ostilità, che non si applica ai gruppi jihadisti, dovrebbe entrare in vigore entro questa settimana. Il presidente Assad è però scettico sulla sua efficacia.

Intanto le forze governative, sostenute dalla forza aerea russa, stanno avanzando a nord verso Aleppo.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.