Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’immagine simbolo di Birmingham contro la marcia dell’estrema destra

Immagine di copertina

Una foto scattata a Birmingham l'8 aprile è diventata virale. Ritrae una donna che sorride davanti alle urla di un manifestante di estrema destra islamofobico

Saffiyah Khan sorride con le mani in tasca mentre osserva la furia e l’agitazione dell’uomo che le sta di fronte. Questa scena, immortalata in una fotografia da Joe Giddens, ha fatto il giro del mondo ed è stata condivisa migliaia di volte sui social media.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Le strade di Birmingham nel pomeriggio di sabato 8 aprile sono il teatro di questo momento particolare, in cui un uomo di estrema destra e appartenente al movimento politico English Defence League (Edl) che si oppone alla diffusione dell’Islam nel paese, fissa negli occhi una giovane donna – Saffiyan Khan appunto – mentre un poliziotto cerca di trattenerlo. Lui inveisce e le urla contro.

La foto è ripresa anche da una deputata, Jess Phillips che l’ha condivisa su Twitter:

Saffiyah Khan ha raccontato alla Bbc che quando la foto è stata scattata lei si era fatta avanti per difendere un’altra ragazza apparentemente musulmana che era stato circondato da un gruppo di uomini.

“Non mi piace vedere persone che si coalizzano nella mia città”, ha spiegato Saffiyah. E ha aggiunto di essere rimasta sorpresa per la reazione alla foto nel mondo del web.

La manifestazione dell’estrema destra

La manifestazione dell’Edl ha coinvolto circa 100 persone con una presenza massiccia di poliziotti in assetto antisommosa per controllare eventuali situazioni di pericolo. Dopo questo episodio, condannato dai liberali democratici e dai leader conservatori, il consiglio comunale di Birmingham ha fatto sapere che quel gruppo di dimostranti non sarebbe più stato il benvenuto nella loro città.

Il giornalista e conduttore televisivo inglese Piers Morgan l’ha soprannominata la “foto della settimana” e ha condiviso l’immagine sui social media con la didascalia: “Un infuriato razzista dell’Edl viene fissato da un donna asiatica divertita e sprezzante”. 

Per contrastare la protesta del gruppo di estrema destra, nei giorni seguenti si è tenuto un evento nella moschea centrale di Birmingham dal nome “Best of British tea party”, con tè e dolci, in perfetto stile britannico. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, il governo pronto a lanciare la pillola anti-Covid entro fine anno
Esteri / Tragedia in Svizzera: investe e uccide il figlio di 14 mesi facendo manovra con il Suv
Esteri / Camion contro parata gay pride in Florida: un morto. "Attacco terroristico alla comunità Lgbt"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, il governo pronto a lanciare la pillola anti-Covid entro fine anno
Esteri / Tragedia in Svizzera: investe e uccide il figlio di 14 mesi facendo manovra con il Suv
Esteri / Camion contro parata gay pride in Florida: un morto. "Attacco terroristico alla comunità Lgbt"
Esteri / “Se l’Europa vuole tenere testa a Usa, Russia e Cina deve dotarsi del Nucleare”: il realismo preventivo di Massimo Fini
Esteri / Quali sono i Paesi in Europa che hanno già tolto l'obbligo
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Esteri / Usa, la sfida dei vescovi cattolici: approvato documento per vietare la comunione a Biden
Esteri / Iran, vince al primo turno l'ultraconservatore Ebrahim Raisi
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto