Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il rallentamento dell’economia palestinese

Immagine di copertina

Un rapporto della Banca Mondiale afferma che le politiche israeliane stanno danneggiando la crescita economica palestinese

Secondo la Banca Mondiale la rete israeliana di posti di blocco limita il movimento di lavoratori e merci nella Cisgiordania occupata, provocando danni a lungo termine sulla capacità dell’economia palestinese di competere nel mercato globale.

Il rapporto pubblicato ieri in vista di un forum dei donatori per l’Autorità palestinese a Bruxelles avverte del continuo deterioramento dell’economia palestinese, che avrà conseguenze durature e costose anche per la coesione sociale.

Le politiche israeliane, assieme a una diminuzione dei finanziamenti internazionali e alle scarse capacità di prelievo fiscale dell’Autorità Palestinese, stanno causando una contrazione del settore manifatturiero e agricolo, un tasso di disoccupazione allarmante e problemi sociali che potrebbero persistere anche in caso di un accordo di pace israelo-palestinese, ha dichiarato l’organizzazione.

Dopo una crescita del Pil sostenuta negli ultimi anni, la Banca Mondiale ha rilevato che l’attività economica ha rallentato in modo significativo nel 2012. La quota di esportazioni per l’economia palestinese è in costante declino dal 1994, scendendo da circa il 10 per cento nel 1996 al 7 per cento nel 2011, uno dei tassi più bassi al mondo.

Nel rapporto si legge che l’economia palestinese ha perso la sua competitività anni fa, e che questa tendenza avrà conseguenze a lungo termine. Il rafforzamento delle istituzioni ottenuto dall’Autorità Palestinese non sono sufficienti a invertire la tendenza. La crescita del prodotto interno lordo per i primi tre trimestri del 2012 è stato del 6,1 per cento – ben inferiore rispetto a una media dell’ 11 per cento nel 2010 e 2011. La crescita a Gaza è stata del 7,7 per cento, rispetto al 15 per cento in ciascuno dei due anni precedenti.

Nonostante il declino, questi numeri sembrano positivi rispetto ad altri Stati e nel contesto della crisi globale – un dato di fatto sottolineato da rappresentanti israeliani. La relazione non riesce a spiegare l’apparente contraddizione tra i dati positivi e la revisione generale in negativo, ma afferma che la maggior parte della crescita si è basata su un aumento di attività del settore pubblico. Più a lungo l’attuale situazione restrittiva persiste, più tempo sarà necessario per ripristinare le capacità produttive.

L’economia palestinese è vincolata strettamente a Israele attraverso infrastrutture e commercio e ha pochi altri partner commerciali esteri. Nel 2011, Israele ha ricevuto l’86 per cento delle esportazioni palestinesi e ha fornito il 73 per cento delle sue importazioni, una situazione che la Banca Mondiale definisce “atipica”. Quasi un quarto dei palestinesi a Gaza e in Cisgiordania sono disoccupati.

L’Autorità palestinese ha accolto con favore la relazione, dicendo che l’unico modo per scongiurare la minaccia per l’economia sarebbe di garantire “la fine dell’occupazione di Israele”.

La Banca Mondiale aveva pubblicato un rapporto simile sulle conseguenze della politica di Israele nel soffocare la crescita economica palestinese nel settembre 2012.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, in Texas torna in vigore una legge del 1925 che vieta l’aborto e lo punisce col carcere
Esteri / Corte Suprema anti-aborto: così da 250 anni i giudici sono al servizio della destra
Esteri / Messico, albergatore italiano ucciso a colpi di pistola: stava andando a prendere le figlie a scuole
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, in Texas torna in vigore una legge del 1925 che vieta l’aborto e lo punisce col carcere
Esteri / Corte Suprema anti-aborto: così da 250 anni i giudici sono al servizio della destra
Esteri / Messico, albergatore italiano ucciso a colpi di pistola: stava andando a prendere le figlie a scuole
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Potenti esplosioni avvertite a Mykolaiv, nuovi aiuti dagli Usa. Cingolani: “Se Mosca chiudesse il gas, l’inverno potrebbe essere difficile”
Esteri / Mamma vegana costringe il figlio a mangiare solo frutta e verdura cruda per 18 mesi: lui muore di fame
Esteri / L’ex presidente ucraino Poroshenko a TPI: “L’Ue non ci basta, ora vogliamo la Nato. Putin? È un criminale”
Esteri / Covid, Kim Jong-un: “Il virus è stato mandato dalla Corea del Sud con i palloncini”
Esteri / Covid trasmesso da gatto all’uomo: il primo caso documentato
Esteri / Guerra in Ucraina, missili su palazzo a Odessa: salgono a 19 le vittime. Mosca: la Nato è tornata a logiche da guerra fredda
Esteri / Nato, nuova gaffe di Biden: il presidente Usa confonde la Svezia con la Svizzera