Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il documentario vietato in India

Immagine di copertina

Il governo indiano ha messo al bando il documentario sullo stupro di gruppo avvenuto a Delhi nel 2012

L’India non potrà guardare il documentario sullo stupro di gruppo avvenuto a Delhi il 16 dicembre 2012, che portò alla morte di Jyoti Singh, una studentessa di 23 anni aggredita da sei uomini mentre si trovava sull’autobus.

Il documentario, intitolato “India’s Daughter”, è stato realizzato dalla regista britannica Leslee Udwin ed è stato mandato in onda dalla Bbc il 5 marzo 2015. Ora è disponibile in italiano, o in inglese con i sottotitoli, su Vimeo on Demand

— Leggi: Donne responsabili del proprio stupro, sul documentario realizzato da Leslee Udwin

A far scattare il divieto del governo indiano sono state le anticipazioni sull’intervista con Mukesh Singh, uno dei responsabili dello stupro, condannato a morte per il crimine, che nel film cerca di giustificare il brutale attacco dicendo che “una brava ragazza non va in giro intorno alle 9 di sera”.

Adirato a causa dell’uscita del film, il ministro dell’Interno indiano, Rajnath Singh, ha detto di fronte al Parlamento che il governo indiano “non permetterà a qualsiasi organizzazione di sfruttare un simile incidente e usarlo per uno scopo commerciale”.

Dopo la dichiarazione, la polizia di Delhi ha emanato un ordine restrittivo, e un tribunale ha emesso un divieto di trasmissione del film in India. L’ordine proibisce anche ai siti web di caricare o pubblicare l’intervista.

Un comunicato stampa della polizia Delhi ha detto inoltre che Mukesh Singh “ha fatto osservazioni dannose, dispregiative e offensive nei confronti delle donne, causando molestie e discredito”.

I brani del documentario, prosegue il comunicato, “sono altamente offensivi e hanno già creato una situazione di tensione e di paura tra le donne nella nostra società”.

Molti parlamentari hanno approvato le parole del ministro dell’Interno e alcuni si sono chiesti se sia possibile vietare il film al di fuori dei confini dell’India. Anu Aga, un membro del ramo superiore del parlamento indiano, è stato invece uno dei pochi membri che hanno parlato in difesa del film.

“Nel glorificare l’India, dicendo che siamo perfetti, non stiamo affrontando i problemi che devono essere affrontati”, ha detto. “Ogni volta che c’è uno stupro, la colpa è trasferita sulla donna – che era vestita in modo indecente, e che quindi ha provocato gli uomini”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Hong Kong: dopo gli arresti chiude l’Apple Daily, principale quotidiano pro-democrazia
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Ti potrebbe interessare
Esteri / Hong Kong: dopo gli arresti chiude l’Apple Daily, principale quotidiano pro-democrazia
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom