Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:25
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le Hawaii hanno fatto ricorso contro il secondo Muslim ban di Trump

Immagine di copertina

Lo stato ha chiesto l'intervento dei giudici per stabilire la costituzionalità del nuovo provvedimento, che danneggia il suo turismo e le sue università

Il primo ricorso contro il nuovo Muslim ban di Trump arriva dalle Hawaii. Lo stato ha chiesto alla corte federale di pronunciarsi sull’effettiva costituzionalità del provvedimento che blocca l’accesso negli Stati Uniti ai cittadini di sei paesi a maggioranza musulmana.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Le Hawaii lamentano un possibile danno alle università statali che ospitano diversi studenti stranieri e ai flussi turistici. “Questo secondo ordine esecutivo presenta gli stessi problemi legali del primo”, si legge nei documenti dello stato presentati il 7 marzo. 

I giudici potrebbero decidere di restringere l’applicazione del Muslim ban a livello nazionale. Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Derrick Watson ha detto che le Hawaii potrebbe intentare una causa contro la decisione dell’amministrazione Trump. 

Secondo Watson lo stato potrebbe rivedere i termini di un precedente procedimento giudiziario avviato quando il Muslim ban fu emesso nella sua prima versione a gennaio 2017. Il pronunciamento della corte arriverà il 15 marzo, il giorno prima dell’entrata in vigore del divieto.

Molti esperti legali dubitano del successo della causa visto che il provvedimento è stato già mitigato rispetto a quando è stato emesso per la prima volta e prevede numerose eccezioni. Innanzitutto, dalla lista dei paesi interdetti è stato escluso l’Iraq. E nessun problema dovrebbe essere incontrato dai residenti di lungo periodo nel paese. Infine, è stato eliminato il blocco indefinito per i rifugiati siriani. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”
Esteri / Incendio in Spagna: migliaia di persone in fuga dalle fiamme vicino alla Costa del Sol